In mostra a Brescia 50 anni di reportage dei grandi fotografi di moda Viaggio dentro l'haute couture attraverso le immagini dal 1950 al 2000

184

Il Centro della Fotografia Italiana di Brescia (Ma.Co.F) presenta l’esposizione “di MODA – fotografie dal 1950 al 2000”, un viaggio nella moda, nei cambiamenti del gusto e del costume italiano nella seconda metà del secolo scorso fotografato attraverso gli scatti dei principali reporter del tempo. La mostra si dipana seguendo un percorso cronologico che va dalle fotografie dei primi anni Cinquanta sino alle esclusive e raffinate rappresentazioni degli anni Duemila. Inaugurata sabato 29 ottobre, sarà visibile fino al 15 gennaio 2017.

Gian Paolo Barbieri, Giuseppe Palmas, Alfa Castaldi, Oreste Alabiso, Gian Butturini, Beppe Vigasio, Federico Garolla, Giovanni Gastel, Ugo Mulas, Carlo Orsi, Gianni Turillazzi e Maria Vittoria Backhaus dialogheranno tra loro raccontando le rivoluzioni del fashion: dell’haute couture come dell’atelier, ma anche le immagini “di strada” dei reporter che interpretano con le loro immagini l’evoluzione del gusto degli italiani. Il modo di vestirsi che muta con il mutare della società e che riflette i diversi contesti sociali dell’epoca, dal dopoguerra al nuovo millennio.

Il Ma.Co.F è stato creato il 14 maggio 2016 per volontà dei fotografi Gianni Berengo Gardin e Uliano Lucas, in collaborazione con l’architetto Renato Corsini. Il museo è sito al piano nobile del palazzo Martinengo Colleoni di Malpaga (un palazzo di Brescia di epoca barocca situato in piazzetta Sant’Alessandro) ed espone una collezione permanente di circa 240 fotografie originali di 42 tra i più importanti e rappresentativi fotografi italiani del XX secolo, tra i quali Francesco Cito, Franco Fontana, Ugo Mulas, Luigi Ghirri e Tazio Secchiaroli.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS