Banche, l’allarme di Guzzetti: “Fondo Atlante a rischio, insistere su dismissioni” Il presidente dell'Acri e di Cariplo: "Le misure su investimenti e competitività contenute nella manovra sono un punto importante"

143
guzzetti

“Il contenuto numero di adesioni pervenute rischia di vanificare in larga misura lo scopo per cui Atlante è stato costituito: cioè che non sia solo (o sopratutto) uno strumento per governare alcune emergenze ma piuttosto un intervento per creare un vero mercato dei crediti deteriorati”. Lo ha detto il presidente dell’Acri e di Cariplo Giuseppe Guzzetti, socio del fondo tramite Quaestio, dopo aver lamentato la mancata partecipazione delle banche straniere al fondo.

Guzzetti chiede inoltre alla Bce e alla Commissione Ue di cessare “l’eccessiva insistenza” sui requisiti di capitale e sugli aiuti di Stato per permettere così la cessione delle 4 good bank. Il suo discorso alla giornata del risparmio ricorda come tali atteggiamenti “non renderebbero possibile il compimento dell’operazione” che vede anche il ruolo di Cdp, partecipata dalle fondazioni bancarie. “Occorre moltiplicare gli sforzi per le dismissioni” tenendo conto anche della stabilità dell’assetto proprietario.

Il presidente dell’Acri è intervenuto poi sulle misure per investimenti e competitività della nuova legge di bilancio che “rappresentano un punto importante” della proposta e si augura “che il confronto con la Commissione europea raggiunga un’opportuna convergenza”. Guzzetti sottolinea che finora “è stata riservata grande attenzione ai decimali” tralasciando “la qualità dell’attuale risveglio economico”. Per Guzzetti “la ripartenza della nostra economia non è infatti appesa a un favorevole contesto congiunturale” ma è “piuttosto il riflesso di mutamenti profondi intervenuti nella struttura produttiva”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS