Reclutavano jihadisti sul web, tre arresti In azione a Finale Ligure i carabinieri del Ros

164

I Carabinieri del Ros hanno eseguito a Finale Ligure (Savona), Cassano d’Adda (Milano) e Torino tre fermi emessi dalla Procura Distrettuale Antiterrorismo di Genova nei confronti di altrettanti indagati, di cui due di nazionalità egiziana e uno algerina. I fermati sono ritenute responsabili di associazione con finalità di terrorismo internazionale. Un quarto destinatario dei provvedimenti, attualmente è irreperibile all’estero. Le indagini hanno individuato un gruppo egiziano che sul web diffondeva materiale jihadista. Chiaramnte con l’intento di fare proseliti, disposti a immolarsi per il Califfo.

I foreign fighters

Il fenomeno dei foreing fighters è nato e si è sviluppato dapprima in Francia e in Inghilterra, coinvolgendo rapidamente i figli di quarte e terze generazioni di immigrati musulmani, tradizionalmente presenti nei due Paesi. Come suggerisce il nome, che si può tradurre con “combattenti stranieri”, non sono altro che militanti europei (o ad ogni modo occidentali) che combattono all’estero tra le fila di milizie che utilizzano metodi terroristici in conflitti non convenzionali, come in Siria.

I numeri

Per il Ministero dell’Interno, 87 foreign fighters sono partiti dall’Italia tra gennaio 2011 e la fine di ottobre 2015; 57 si troverebbero tuttora in zona di guerra e 18 sono morti. Almeno 15 si sono uniti all’Is, due a Jabhat al Nusra e sette ad altre forze dell’opposizione. Del totale, solo 12 hanno o avevano passaporto italiano. Degli 87 i foreign fighters passati dall’Italia, infatti, 6 sono con nazionalità italiana, altri 6 con doppia nazionalità.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY