“Controlla quel neo”, fan salva sportivo da un melanoma

182
melanoma

Mackenzie, detto “Mack“, Horton, nuotatore australiano di vent’anni, deve la vita ad un suo fan molto attento che ha segnalato un neo sospetto sul petto del giovane atleta. Un suo sostenitore, infatti, aveva confrontato alcune foto di Horton scattate negli ultimi anni e si era accorto che le dimensioni e il colore del neo erano cambiati. Con una lettera inviata allo staff medico ha dunque fatto rilevare il problema. Dopo alcuni accertamenti si è scoperto che si trattava di un melanoma. Horton si è subito rivolto a uno specialista per farsi operare.

Su Instagram, una foto ritrae il nuotatore con un pollice alzato e un cerotto sul petto. Mack, medaglia d’oro nei 400 stile libero ai Giochi di Rio, ha voluto ringraziare con una foto il suo fan, scrivendo: “Ringrazio pubblicamente la persona che ha mandato una mail al dottore del team di nuoto per dirmi di controllare il mio neo. Ottima idea. Davvero un’ottima idea”.

L’atleta dovrebbe comunque essere disponibile per i campionati di nuoto australiani a Brisbane del 3 novembre. Carole Renouf, responsabile del Melanoma Institute Australia, ha ribadito l’importanza di farsi controllare regolarmente la pelle: “È un fatto poco noto che il melanoma è il tumore più comune per i maschi e femmine di età compresa tra 15 e 39 anni”.

Mackenzie “Mack” Horton è un nuotatore specializzato nello stile libero. Ai Giochi PanPacifici del 2014 vinse la medaglia d’argento negli 800 metri stile libero (7.47.73), la medaglia di bronzo nei 1500 metri stile libero (14:52.78) e, assieme a David McKeon, Cameron McEvoy e Thomas Fraser-Holmes, un’altra medaglia di bronzo nella staffetta 4×200 metri stile libero (7:08.55). Ai Campionati mondiali di nuoto 2015 si aggiudicò invece una medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero (7.44.02), seguita nel 2016 dalla medaglia d’oro nei 400 metri stile libero ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro.

melanoma

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS