Artista sbaglia il restauro, cittadini in rivolta

520
restauro

Se un’opera d’arte si danneggia, compito delle autorità competenti è contattare un artista per un restauro. Tuttavia, può capitare che l’artista non trovi l’ispirazione. E il risultato non sia una vera e propria opera. E’ quanto accaduto in Canada, dove Heather Wise, artista locale di Sudbury, passando davanti alla chiesa cattolica di Saint-Anne des Pins, ha provato “dolore vedendo quel Gesù senza testa“. Si riferiva alla statua in pietra della “Madonna con bambino”: la piccola testa di Cristo era stata amputata e rubata da alcuni vandali.

Armata di buona volontà, la donna (che vanta anche trascorsi artistici nella scultura) si è offerta di effettuare il restauro della statua per la felicità del prete e dei fedeli. Ma il risultato non è piaciuto a nessuno. Con una nuova testa in terracotta, in effetti, quello che è venuto fuori tutto somiglia tranne che al piccolo Gesù. Abitanti e parrocchiani l’hanno definita un “obbrobrio”, per alcuni somiglia anche alla “testa di Maggie dei Simpson”. La donna si è giustificata spiegando che si tratta di una scultura temporanea, ma nel frattempo sui social è partito il tam tam con tanto di prese in giro e foto montaggi.

Questa restauro sbagliato ricorda, per certi aspetti, il caso del noto “Ecce Homo“, il dipinto di Cristo mal riparato da una donna spagnola che divenne un’icona web. Cecilia Giménez, ha infatti rovinato, tentando di salvarla, l’opera di Elia Garcia Martinez (1858 – 1934) situato nella piccola città di Borja. Inizialmente le autorità sospettavano si fosse trattato di un atto di vandalismo, ma la signora ha confessato che stava tentando di restaurare il suo dipinto preferito, prima di accorgersi che aveva rovinato tutta la vernice, riducendola a puntini e squame.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS