Luneur, il 27 ottobre la riapertura dello storico parco giochi Pronte centinaia di girandole da piantare nel "Giardino dell Meraviglie"

2723
luneur

Mancano pochissimi giorni all’attesa riapertura del Luneur Park. Dal 27 ottobre, infatti, romani e turisti potranno ammirare il nuovo look del parco giochi più noto della Capitale. Un appuntamento imperdibile per molti che si concretizzerà con la sistemazione delle girandole nel “Giardino delle meraviglie”.

Infatti, da qualche mese a questa parte, un angolo del Centro Commerciale Porte di Roma è stato dedicato al Luneur. Qui, i bambini hanno avuto la possibilità di realizzare delle coloratissime girandole. “Quelle che hanno ricevuto il maggior numero di ‘like’ – si legge sulla pagina Facebook del luna park – formeranno il Prato delle Girandole più grande del mondo. I piccoli Mastri Girandolai che le hanno create saranno invitati a piantarle personalmente e a partecipare, con un accompagnatore, all’evento di apertura“.

All’interno del parco torneranno a splendere il brucomela, la ruota panoramica, la giostra dei cavalli. Attrazioni sulle quali si sono avvicendate intere generazioni di romani.  Acquistando le “lunelire” direttamente nelle biglietterie del posto, a partire dal 3 novembre si potranno pagare gli ingressi alla dinovia (una lunalira), il piccolo safari (una lunalira), la giostra di Re Artù (2 lunalire). Sarà, inoltre, possibile per i più grandi (fino a 6 anni accompagnati da un adulto) salire a bordo della barcamatta.

Addio al labirinto degli specchi, ma in compenso è arrivato, direttamente dal Giappone, il percorso ad ostacoli “Banzai“. Non mancano poi le classiche automobiline a scontro, i laboratori sugli insetti (lunalab) ed il labirinto di Oz (gratuito). Seguiranno quattro giornate, tra il 29 ed il 1 novembre, in cui sarà tassativo presentarsi mascherati. Il biglietto d’ingresso è di 14 euro a persona, e consente un utilizzo illimitato di tutte le giostre e l’accesso a tutte le animazioni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS