Raggi a caccia del capo di Gabinetto: in pole l’ex Pd Uguccioni Ha lavorato per anni con il sindaco di Bologna, poi è entrato nel Movimento 5 Stelle. Lui: "Sarebbe bellissimo"

176
uguccioni

Dopo la nomina degli assessori al Bilancio e alle Partecipate, Virginia Raggi deve ancora completare la sua squadra. All’appello, infatti, manca il capo di Gabinetto, casella rimasta vacante dopo le dimissioni del magistrato Carla Romana Raineri. In pole per la nomina c’è Luca Uguccioni, avvocato ed ex segretario del Comune di Bologna a guida Pd e recentemente approdato nel Movimento 5 Stelle felsineo.

“Sarebbe una bellissima soddisfazione professionale – ha detto all’Adnkronos – il sogno di una vita”. Anche perché il sindaco Raggi l’ha conquistato subito. “Mi è piaciuta moltissimo. E’ molto diversa da come viene descritta dai media. E’ una bella persona, positiva, ma soprattutto seria e riflessiva. Una persona che ascolta molto gli altri, di vero spessore”.

Il colloquio con il sindaco di Roma è durato un’ora e mezzo. Uguccioni aveva mandato il suo curriculum per un posto di segretario generale rispondendo ad un avviso pubblico del Comune di Roma ma, evidentemente, dopo il colloquio l’amministrazione capitolina ha fatto delle valutazioni che hanno portato a renderlo un candidato appetibile per il ruolo di capo di gabinetto. Un incarico non da poco in una città complessa come Roma. “Non mi spaventa – assicura Uguccioni -, fare il segretario generale a Bologna non è certo stato facile”.

Uguccioni, fino a fine settembre ha lavorato nello staff del sindaco di Bologna, il democratico Virginio Merola che, per suo mandato bis, ha preferito sostituirlo con Roberto Finardi, pur ringraziandolo “per l’impegno profuso in 5 anni di attività”. “Sono un professionista e metto a disposizione le mie competenze – spiega Uguccioni –, lavorare nel Comune di Roma sarebbe una bellissima occasione professionale”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS