Australia, le reliquie di Padre Pio esposte nella Cattedrale di Perth Includono: un paio di guanti, dei capelli e un panno di lino utilizzato per pulire il sangue dalla ferita al costato

351

Le reliquie di San Pio da Pietrelcina (al secolo, Francesco Forgione, Pietrelcina, 25 maggio 1887 – San Giovanni Rotondo, 23 settembre 1968), saranno esposte alla devozione dei fedeli nella Cattedrale Santa Maria di Perth – in Australia – dal 22 al 26 ottobre. Come ha confermato mons. Michael Keating, parroco della Cattedrale, le reliquie del presbitero italiano appartenente all’Ordine dei frati minori cappuccini includono un paio di guanti, dei capelli, un panno di lino utilizzato per pulire il sangue dalla ferita al costato. Il santo, canonizzato da Giovanni Paolo II nel 2002, ricevette le stigmate nel 1910. Le reliquie sono incapsulate in una speciale bacheca. Per l’occasione, sono previste celebrazioni come messe di guarigione, rito dell’unzione degli infermi, veglie di preghiera e adorazioni.

“Sarà un’occasione molto importante non solo per i cattolici di tutta Perth, ma per tutti i fedeli interessati alla vita di Padre Pio” ha detto mons Keating, che ha incontrato Padre Pio nel 1965, quando ha visitato la cittadina di San Giovanni Rotondo, dove il frate cappuccino risiedeva. “Per molte persone, questa sarà l’opportunità di sperimentare e di imparare dalle fede di Padre Pio”. Ad accompagnare le reliquie sarà il frate cappuccino p. GianMaria Di Giorgio, del convento cappuccino di Santa Maria delle Grazie a San Giovanni Rotondo (provincia di Foggia), che è stato anche allievo di Padre Pio e, da seminarista, è stato accompagnato nel suo cammino spirituale dal Santo. P. GianMaria parlerà ai fedeli australiani della vita e della fede di san Pio da Pietrelcina. La Chiesa cattolica ne celebra la memoria liturgica il 23 settembre, anniversario della morte.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS