Renzi negli Usa, Obama: “Le riforme del premier italiano sono ambiziose” Il capo del governo parteciperà all'ultima State dinner del presidente americano. Arriva l'endorsement: "L'austerithy blocca la crescita dell'Ue"

116
renzi-usa

Mentre in Usa “le imprese hanno creato oltre 15 milioni di nuovi posti di lavoro”, in Europa “credo che le misure di austerità abbiano contribuito al rallentamento della crescita. Ecco perché penso che la visione e le riforme ambiziose che il primo ministro Renzi sta perseguendo siano così importanti”. Dagli Stati Uniti arriva l’endorsement di Barack Obama, intervistato da Repubblica, nei confronti del premier, arrivato da poco a Washington.

Il portavoce della Casa Bianca, parlando durante il consueto briefing giornaliero, ha affermato che Renzi è un partner importante che contribuisce alla stabilità e alla sicurezza in Europa. E che questo incontro rappresenta una “opportunità per discutere insieme di importanti sfide” dai cambiamenti climatici all’Iraq, alla Siria alla Libia, fino ai temi dell’immigrazione.”Molti dei temi sui quali discutiamo a fondo qui relativi alla comunità internazionale sono temi riguardo ai quali gli Stati Uniti traggono significativi benefici dal sostegno e dall’amicizia dell’ Italia”, ha sottolineato tra l’altro Josh Earnest nel suo briefing con la Stampa. “E tenere un evento cerimoniale come una visita di Stato e una cena di Stato per suggellare tale partnership e tale amicizia, tale alleanza, è qualcosa che il presidente ha ritenuto importante prima di lasciare l’incarico”.

Il premier Matteo Renzi è partito lunedì poco prima delle 15 con un volo di Stato dall’aeroporto di Pisa diretto negli Stati Uniti dove parteciperà all’ultima State dinner di Obama. Con lui ci sono, tra gli altri, anche la moglie Agnese, Roberto Benigni e la campionessa paralimpica di scherma Bebe Vio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS