Roma 2024, il Presidente del Cio scrive a Malagò: “Un progetto che avrebbe lasciato una grande eredità” Bach: "I rapporti eccellenti tra noi e il Coni non saranno intaccati da questa decisione"

489
roma

La decisione della giunta Raggi, di dire “No” alla candidatura di Roma 2024 “era politicamente motivata per ragioni che vanno al di là del progetto Olimpico”. Lo scrive Thomas Bach in una lettera al numero uno del Coni, Giovanni Malagò. Parlando del progetto stoppato dalla sindaca, il presidente del Cio ha anche evidenziato che “avrebbe lasciato un’eredità positiva e sostenibile per la città di Roma e per la Regione Lazio, ai quali il Cio avrebbe contribuito con investimento di circa 1,7 miliardi di dollari“.

Bach spiega che il Cio “ha preso nota del ritiro della candidatura di Roma” a seguito del voto del Consiglio comunale. Poi aggiunge: “In base alle informazioni che noi abbiamo ricevuto negli ultimi giorni, è stato chiaramente dimostrato che la decisione del Consiglio Comunale era politicamente motivata per ragioni che vanno al di là del progetto Olimpico”.

“Il Cio – prosegue Bach nella lettera – è consapevole che questa è stata una decisione molto difficile da prendere per il Coni, potendo godere del supporto a tutti gli altri livelli di governo e della popolazione di Roma e dell’Italia per la candidatura. Vorrei ringraziare il Coni e il Comitato promotore per il loro eccezionale lavoro che è risultato in un eccellente progetto di candidatura sostenibile, fattibile e trasparente in linea con l’Agenda Olimpica 2020. Non c’è dubbio che questo progetto avrebbe lasciato un’eredità positiva e sostenibile per la città di Roma e per la Regione Lazio, ai quali il Cio avrebbe contribuito con investimento di circa 1,7 miliardi di dollari”.

“Posso chiederti anche cortesemente di trasmettere i ringraziamenti del Cio al governo italiano, al governo della Regione Lazio e al Consiglio regionale del Lazio e a tutti gli italiani che hanno supportato così tanto questa candidatura. Ti prego di stare sicuro che i rapporti eccellenti tra il Coni e il Cio non saranno intaccati da questa decisione. Noi continueremo a lavorare insieme al Coni per promuovere lo sviluppo dello sport olimpico in Italia. Augurando a te e ai membri della tua squadra del Coni e del Comitato di candidatura, ti invio i miei migliori auguri per un futuro di successi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS