Brasile, scontro tra bande in carcere: almeno 25 detenuti morti La rivolta è scoppiata durante l'orario delle visite della domenica. Almeno sei carcerati sono stati decapitati

171
brasile

Sono almeno 25 i detenuti che sono morti in seguito alla sanguinosa rivolta che si è verificata nel carcere di Boa Vista, nel nord Brasile. Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, lo scontro tra le due bande rivali è scoppiato durante le visite dei familiari della domenica, quando un gruppo di detenuti armati di coltelli e bastoni, è riuscito ad aprirsi un varco per accedere ad un’altra la del penitenziario, dove stanno scontando la loro pena, esponenti di una banda criminale rivale.

Durante la rivolta, circa un centinaio di persone, per la maggior parte donne, sono state prese in ostaggio dai detenuti: il loro scopo era quello di attirare l’attenzione su di loro per chiedere un incontro con le autorità giudiziarie. Gli ostaggi, fortunatamente tutti illesi, sono stati liberati grazie all’intervento di una task force delle forze speciali.

Secondo quanto è stato comunicato al quotidiano brasiliano O Globo da un portavoce della polizia, sette detenuti sono stati decapitati, mentre altri sei sono deceduti negli incendi che sono scoppiati durante la rivolta. La prigione di Boa Vista ha una capienza di 740 detenuti, ma al momento al suo interno, sono rinchiuse 1.400 persone.

Un’episodio simile, si è verificato verso la fine dello scorso settembre, quando un gruppo di almeno 200 detenuti è evaso dalla prigione della città di Jardinopolis, nel meridione del Brasile. La rivolta era scoppiata quando i prigionieri hanno appiccato il fuoco ad un’intera area del penitenziario. Fortunatamente in questo caso nessuno è rimasto ferito. Anche nella prigione di Jardinopolis, come in quella di Boa Vista, sono detenute più persone rispetto a quella che è la capacità reale del penitenziario: il carcere potrebbe ospitare fino a 1.000 detenuti, ma in realtà ce ne sono 800 in più.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS