“Milano per Tutti”, il comune meneghino punta sul turismo dei disabili

146
disabili

E’ pronto il nuovo portale internet del Comune di Milano che consentirà ai disabili di apprendere tutte le informazioni su come arrivare e muoversi in città, accessibilità di alberghi o ristoranti o di eventi culturali e artistici. Da lunedì 17 ottobre sarà on line milanopertutti.it, un nuovo sito a servizio delle persone disabili che per turismo o lavoro vogliono conoscere il capoluogo lombardo. Consultabile anche dagli smartphone, è in lingua italiana e inglese. L’iniziativa comunale, in collaborazione con la Lega per i diritti delle persone con disabilità (Ledha) e Unione italiana ciechi, costituisce l’eredità di expofacile.it (creato per dare informazioni su Expo e accessibilità), che ha collezionato nel 2015 circa 245 mila visitatori unici.

“Si tratta di un traguardo importante -commenta Alberto Fontana, presidente di Ledha Lombardia-. Ed è il frutto di un lavoro fatto insieme, istituzioni e associazioni”. Il sito presenta quattro sezioni. La prima, “Vivere a Milano”, contiene informazioni su come arrivare e muoversi nella città e sull’accessibilità delle strutture ricettive: ne sono state censite 400, dai ristoranti agli alberghi ai musei alle chiese. Ci sono poi le descrizioni di dieci itinerari turistici (nei prossimi mesi saranno 15) e i recapiti di realtà che offrono servizi ai disabili: da chi noleggia le carrozzine (o le ripara) a chi vende protesi o altri tipi di ausili. La seconda sezione conterrà invece informazioni sull’accessibilità degli eventi culturali e artistici, che ogni giorno vengono organizzati nel capoluogo lombardo.

La terza sezione è dedicata alla formazione degli operatori turistici: troveranno percorsi sui diversi temi legati alla disabilità. Infine, la sezione “Contattaci”, con la quale i visitatori del sito potranno chiedere informazioni: riceveranno in poco tempo una risposta da parte dello staff che cura il sito e lo aggiorna costantemente. Per la realizzazione del portale, il Comune ha stanziato 75 mila euro.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS