Colombia, Santos: “Tregua con le Farc estesa fino a fine anno” In vista del prossimo tavolo di trattative che si svolgerà in Ecuador, il 27 ottobre, il premio Nobel ha invitato a partecipare anche i guerriglieri dell'Esercito di Liberazione Nazionale

149
Santos

Il presidente della Colombia Juan Manuel Santos ha annunciato la proroga del cessate il fuoco con i guerriglieri delle Farc – le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia – fino alla fine dell’anno. Lo scopo è quello di concedere più tempo al team dei negoziatori per raggiungere un accordo di pace che “soddisfi tutte le parti politiche”. Il premio Nobel è infatti coinvolto in un accordo a tre con le Farc e l’opposizione per cercare di far finire una guerra che è andata avanti per più di 50 anni.

“Siamo chiari: questo non è un ultimatum o una scadenza irrevocabile”, ha dichiarato Santos, sottolineando però che il dialogo non può essere esteso a tempo indeterminato, dato che “il tempo cospira contro la pace e la vita”.

Oltre ad aver rilanciato il negoziato con le Farc – dopo che in un referendum i colombiani avevano bocciato l’accordo – Santos ha chiesto anche all’Esercito di Liberazione Nazionale, il secondo gruppo guerrigliero colombiano, di sedersi al tavolo delle trattative il prossimo 27 ottobre a Quito, in Ecuador, dove sono stati invitati come Paesi garanti il Cile, la Norvegia, il Brasile, Cuba e Venezuela.

In realtà anche le trattative per la pace con l’Eln – che conta di circa 3.000 guerriglieri – è in corso da mesi e, come condizione preliminare, il governo aveva chiesto la liberazione di alcuni ostaggi ancora in mano al gruppo. Nei giorni scorsi, infatti, dopo settimane – in alcuni casi anche mesi – di prigionia, l’Eln ha liberato alcuni prigionieri. Un segno, che secondo il governo di Santos, è stato interpretato come un atto di buona volontà in vista dei colloqui in Ecuador.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS