Haiti, Cbm: “Il tasso di mortalità dei disabili è doppio rispetto al resto della popolazione” La Christian Blind Mission ha tre strutture gravemente danneggiate dall'uragano Matthew

211
disabile

E’ emergenza umanitaria ad Haiti, la più grave nel Paese dal terremoto del 2010. A soffrire maggiormente della catastrofe causata dall’uragano Matthew, che lo scorso 4 ottobre si è abbattuto sull’isola con piogge torrenziali e raffiche di vento a quasi 200 km/h causando ad oggi 840 morti, sono soprattutto bambini, anziani e disabili.

“Nelle emergenze il tasso di mortalità delle persone con disabilità è doppio rispetto al resto della popolazione”, riporta la Cbm Italia onlus. La Christian Blind Mission è un’organizzazione internazionale, interconfessionale e senza scopo di lucro che ha come finalità quella di attuare programmi e progetti di prevenzione e cura della cecità e di altre forme di disabilità fisica e mentale nei paesi in via di sviluppo.

“Le persone con disabilità durante le catastrofi naturali sono le più vulnerabili – ha detto Massimo Maggio, Direttore di Cbm Italia – La loro prima difficoltà è riuscire a mettersi in salvo. La distruzione da un giorno all’altro delle reti di sostegno, la perdita o la compromissione dei propri dispositivi di assistenza, così come le maggiori difficoltà nel reperire beni di prima necessità o nell’accedere agli aiuti rendono necessario un intervento più che mai tempestivo, affinché nessuno sia lasciato indietro.”

Il direttore dell’ufficio regionale di Cbm America Latina ha conferma la gravità della situazione: a Port-au-Prince molti bambini con disabilità stanno cercando rifugio poiché case e scuole sono state gravemente danneggiate e quelle rimaste in piedi vengono utilizzate come rifugi temporanei. Anche tre scuole di Cbm sono state gravemente danneggiate: l’Arche Chantal, che accoglie 20 bambini con disabilità, la Simon School per bambini sordi e la Shaa School per studenti con disabilità visive. Gli studenti sono stati ricoverati in rifugi temporanei e necessitano di beni di prima necessità, come acqua, cibo e vestiti.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, ad Haiti, a causa del passaggio di Matthew, 350 mila persone necessitano assistenza e 1 milione e 300 mila dovrebbero essere evacuate.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS