Germania, catturato siriano sospettato di preparare attentati per l’Isis L'uomo, un 22enne, è stato arrestato grazie alla soffiata di un connazionale che lo ospitava

211
siriano-arrestato

Il siriano sospettato di preparare un attacco in Germania per conto dell’Isis è stato arrestato dalla polizia tedesca. La caccia all’uomo, che per due giorni ha tenuto con il fiato sospeso l’intero Paese, è andata avanti per 48 ore. L’uomo, un siriano 22enne che sarà portato dinanzi a un giudice già stamane, a Karlsruhe, è stato arrestato grazie alla soffiata di un connazionale che lo ha ospitato in casa.

“(Jaber) Albakr è stato arrestato nella notte a Lipsia”, in Sassonia, ha annunciato la polizia su Twitter. L’uomo aveva trovato rifugio a casa di un siriano che aveva conosciuto alla stazione di Lipsia e a cui aveva chiesto ospitalità, scrivono i media tedeschi: il siriano conosciuto lo ha invitato a casa, ma ha chiamato la polizia dopo aver sentito che il latitante era ricercato in tutto il Paese. Quando sono arrivati gli agenti hanno trovato l’uomo già legato.

Lipsia è vicino alla città di Chemnitz dove Jabr Albakr aveva vissuto per più di un anno come rifugiato e dove sono stati trovati esplosivi nella casa che occupava. L’uomo arrestato sara’ trasferito nel corso della giornata a Karlsruhe, sede del procuratore federale tedesco, competente per i casi di terrorismo.

Secondo l’ufficio del procuratore federale tedesco, “tutto lascia pensare che il sospettato avesse intenzione di commettere un attentato islamista. Per vari media tedeschi, aveva preso di mira un aeroporto e “un piattaforma di trasporto“. L’arresto, intorno alle 02:00 di notte, segna la conclusione di una caccia all’uomo che ha mobilitato le forze dell’ordine dell’intero Paese per quasi due giorni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS