Il cardinal Bagnasco nuovo presidente delle Conferenze episcopali europee

217

Il Cardinal Angelo Bagnasco è stato eletto nuovo Presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali europee. Lo hanno eletto i vescovi e i cardinali d’Europa riuniti a Monte Carlo per l’assemblea plenaria del Ccee. Bagnasco, attuale arcivescovo di Genova e presidente della Cei, sostituisce il cardinal Peter Erdo, arcivescovo di Esztergom-Budapest che ha guidato il Ccee per due mandati, dal 2006 al 2016. La nuova presidenza e’ entrata effettivamente in carica subito l’elezione. Dal 30 settembre 2011 era vicepresidente dello stesso Consiglio delle conferenze episcopali europee.

Eletti anche i vice presidenti, card. Vincent Nichols,arcivescovo di Westminster, e mons. Stanislaw Gadecki, arcivescovo di Poznan.

Quest’anno i lavori dell’assemblea plenaria erano dedicati al tema “Le sfide dell’Europa oggi, la missione della Chiesa e il servizio del CCEE”; vi hanno preso parte parte i presidenti delle Conferenze episcopali d’Europa e sono stati invitati i rappresentanti della Santa Sede presso le Istituzioni europee e la COMECE (Commissione degli Episcopati della Comunità europea).

Bagnasco, 73 anni, nella prolusione al consiglio permanente della Cei, il 26 settembre scorso, aveva trattato ampiamente la tematica europea, in relazione al tema dei migranti e al recupero della cultura che ha fondato il Vecchio continente, contro il “pensiero unico” tante volte denunciato da papa Bergolio. Sicché le sue parole in quella occasione suonano come una sorta di “programma” per il nuovo ruolo che il porporato italiano si accinge ad assumere alla Ccee, che quest’anno festeggia i 45 anni dalla fondazione.

“C’e’ bisogno di più Europa. – aveva dunque affermato Bagnasco nella prolusione del 26 settembre – E’ possibile pensare che nel vortice del mondo globalizzato, dove sono saltati molti schemi e parametri, sia possibile vivere allontanandosi gli uni dagli altri?”. E aveva denunciato quel “cambiamento culturale” per cui “nelle relazioni interpersonali scompare il ‘prossimo’, resta l”altro’, l”estraneo’, o addirittura il ‘nemico’”.

Il presidente della Cei e da oggi anche della Ccee sembrava riporre molte speranze nel “processo di rivisitazione dell’illuminismo” che prende “atto delle sue derive antropologiche”. Dopo la Brexit, osservava poi in chiave più pragmatica Bagnasco, si vede “qualche timido barlume di coscienza su ciò che dovrebbe essere fondamento della casa europea: la cultura, che ha costruito l’Europa nella sua varietà”.

Il cardinale chiamava dunque il vecchio Continente, a rifondare se stesso, e l’atteggiamento che proponeva nei confronti dei migranti può probabilmente essere letto in chiave più generale: e’ “lo stile dell’accoglienza e dell’integrazione”, che “richiede generosità e intelligenza politica e sociale; e’ uno stile che coinvolge tutti, chi accoglie e chi è accolto”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY