Viaggi in Siria e Iraq, Zerocalcare bandito dagli Usa

242

Gli Stati Uniti hanno negato il visto a Zerocalcare perchè si è recato in Siria e Iraq anni fa. Zerocalcare, al secolo Michele Rech, è uno dei fumettisti più famosi d’Italia il cui blog è seguitissimo. Proprio tramite web, Michele ha raccontato la triste disavventura dovuta – più che alla complessa burocrazie d’oltreoceano – a un suo banale errore nel richiedere il visto.

All’interno di una delle sue vignette sulla triste vicenda, Zerocalcare ha inserito la comunicazione con cui l’ambasciata gli conferma la ricevuta di pagamenti per il visto, ma al tempo stesso lo avverte che “l’autorizzazione a recarsi negli Stati Uniti ai sensi del Visa waiver Program non e’ stata concessa“. “Il motivo”, aggiunge il fumettista, “e’ che sono stato in Siria e in Iraq nel 2015“.

La presenza di Zerocalcare era prevista al New York Comicon,  una comic convention che ospita stand, incontri, conferenze di argomenti e materiali fumettistici, videoludici, cinematografici, televisivi e simili. “C’avevate presente che domani dovevo andare a New York a fare disegnetti al New York Comicon, la conferenza alla Columbia, e tutta quella roba fichissima che pareva una gag? – chiede retoricamente il fumettista su Facebook – Ecco, famo che e’ stata tutta una gag, va. Meno male che abito a Rebibbia che e’ sempre meglio di niente”.

Il visto Esta consente ai viaggiatori che vogliano recarsi negli Stati Uniti di farlo senza bisogno di un normale visto turistico. “Coloro i quali – si legge sul sito della Polizia di Stato – hanno viaggiato in Libia, Somalia, Yemen, Sudan, Siria e Iraq dopo l’1 marzo 2011 devono fare domanda di visto Usa in quanto non possono registrarsi con Esta”.

Dopo qualche ora, visto il clamore suscitato dal suo tweet di denuncia, Zerocalcare ha pubblicato un altro cinguettio in romanesco. “Rega’ me piacerebbe fa l’eroe del popolo respinto dagli Usa, ma la realtà e’ un banale mix tra le loro regole del c… E io che so un faggiano”. Il fumettista ha ammesso, almeno in parte, l’errore: bastava leggere meglio le “istruzioni per l’uso”. Caro Zerocalcare, chi è causa del suo mal…

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS