Golpe fallito in Turchia: sospesi quasi 13 mila poliziotti Sono sospettati di legami con l'organizzazione di Gulen, considerato da Ankara l'ispiratore del tentato colpo di Stato

280
turchia

Le autorità della Turchia hanno deciso di sospendere 12.801 poliziotti perché sospettati di legami con l’organizzazione di Fetullah Gulen, considerato da Ankara il mandante del tentato golpe del 15 luglio. Lo ha reso noto la direzione generale di sicurezza turca spiegando che la misura è stato adottata in linea con la legge sullo stato di emergenza e che 2.523 agenti interessati sono almeno ufficiali.

Secondo vari media locali, tra i quali l’emittente Ntv e il quotidiano Haberturk, vicino al governo, la decisione è stata presa poco dopo la mezzanotte e sarà trasmessa oggi ai poliziotti interessati. Si tratta di agenti dislocati nelle 81 provincie del Paese, per quanto la maggior parte di loro è concentrata ad Ankara, Smirne, Diyarbakir e Hakkari.

Secondo Ntv, nei due mesi e mezzo trascorsi dal fallito golpe del 15 luglio sono stati sospesi dai loro incarichi circa 130mila dipendenti pubblici. La scorsa settimana, il ministro turco della Giustizia, Nekir Bozdagm, ha confermato la sospensione di 70mila persone e l’arresto di 35mila grazie alla legge sullo stato di emergenza.

Le opposizioni, intanto, protestano per il giro di vite impresso da Erdogan dopo il 15 luglio, e, in generale, contro la sua politica di sicurezza. Secondo Kemal Kilicdaroglu, in carcere ci sono “scrittori, giornalisti e artisti. In questo momento viviamo in una prigione semi-aperta, ma continueremo a resistere”. Parlando alla cerimonia di inaugurazione di un centro culturale nella capitale Ankara, Kilicdaroglu ha attaccato il presidente turco, sottolineando che “nessuna dittatura ha mai favorito le arti o gli artisti”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS