DONNA AUSTRALIANA VIOLENTATA, PICCHIATA E DERUBATA A COLLE OPPIO La vittima è stata soccorsa da un passante in via delle Terme di Traiano. Capitale sempre più insicura

228
violenza-oppio

Grave episodio di violenza a Roma, in zona Colle Oppio, dove una donna australiana è stata stuprata, derubata e picchiata. La vittime è stata soccorsa da un passante in via delle Terme di Traiano, nel centro della Capitale, e trasportata in codice rosso all’ospedale San Giovanni con ferite al volto. Fortunatamente non è in gravi condizioni, ma gli accertamenti medici avrebbero riscontrato una violenza sessuale. La donna, sotto choc, al momento non ricorda l’abuso ma solo di aver ricevuto un pugno in faccia e di essere stata derubata del cellulare e del portafogli. L’aggressione è avvenuta nel parco di Colle Oppio, a pochi metri dal Colosseo. Sulla vicenda indagano la Squadra Mobile e il commissariato Viminale.

Secondo quanto ricostruito finora, la donna ieri sera era andata a ballare in un locale nei pressi della stazione Termini. Poi è stata vista allontanarsi con un uomo che, con ogni probabilità, è responsabile delle violenze. La polizia ha fatto scattare una vera e propria caccia all’uomo. Il violentatore è stato infatti identificato grazie ai sistemi di videosorveglianza presenti in zona.

Ma il caso della donna australiana non è l’unico episodio di violenza registrato nella Capitale negli ultimi giorni. Proprio oggi la polizia ha fermato tre persone, tra cui una donna, accusate di essere autori di una violenza sessuale di gruppo nei confronti di una cittadina brasiliana, avvenuta lo scorso 25 settembre in una baracca vicino alla stazione Tuscolana. La donna, arrivata al pronto soccorso dell’ospedale in codice rosso, aveva raccontando di essere stata percossa, sequestrata e violentata da due uomini e una donna, compagna di uno dei due.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS