Sole 24 Ore, Boccia: “Resterà a Confindustria, non sarò io a perderlo” Il numero uno degli industriali italiani: "Il 12 ottobre un Consiglio Generale monotematico. Al giornale ci legano decenni"

212
boccia

“Il Sole 24 Ore rimarrà di Confindustria, non sarà la mia gestione a perderlo”. Lo ha detto Vincenzo Boccia, presidente dell’associazione di categoria degli industriali, in visita a Bimu (Ucimu) nella Fiera di Rho-Pero. “Stiamo lavorando – ha aggiunto – è diventata una delle grandi priorità di Confindustria”.

“Il dossier è nelle mie mani – ha precisato – e lo valutiamo insieme al Comitato di Presidenza”, che si farà alla vigilia del Consiglio Generale del prossimo 12 ottobre. “Abbiamo tutta la volontà, la passione e la voglia di rilanciare il giornale nella logica storica – ha aggiunto – perché ci sono decenni che legano Confindustria al Sole 24 Ore“. Quanto al nuovo Cda, Boccia indica che “seguiremo tutte le procedure per fare in modo che le cose si facciano con velocità, entrando in profondità, agendo e costruendo”.

Il prossimo Consiglio generale, ha spiegato, sarà “monotematico” sul gruppo cui fa riferimento il principale quotidiano economico italiano. “Daremo un informativa che mi sembra corretto dare dopo tutto quello che è accaduto”. Boccia ha, poi, precisato che “non cambia l’idea degli obiettivi e dei fini molto chiari di Confindustria e del suo presidente”.

A proposito della manovra, annunciata per i prossimi giorni dal premier Matteo Renzi, Boccia rilancia dopo le stime di Bankitalia sulla crescita del Pil e chiede di “considerare la Legge di Bilancio come un punto di partenza, un elemento essenziale per costruire un percorso di crescita nell’interesse del Paese”. Il centro studi di Confindustria, ha sottolineato, aveva previsto “una crescita inferiore, però era prima della Legge di Bilancio e delle cose che il Governo sta mettendo in atto”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS