NIENTE APPARECCHIATURE ELETTRICHE A BORDO, DISABILE TORNA A CASA SENZA CARROZZINA

259
disabile

Per un disabile, anche viaggiare in aereo risulta difficile. E’ il caso di Elena Paolini, costretta a muoversi su una sedia a rotelle elettrica, che sui social denuncia: “Cara Ryanair, durante il check-in per il volo, un paio di membri del personale si sono avvicinati a me. Hanno esaminato la mia sedia a rotelle motorizzata”, chiedendomi, scrive, di quale “marca e modello fosse”. “Poi un tipo ha detto con un tono irrevocabile: ‘Ho appena chiamato a Dublino. Ryanair non accetta questa tipo di carrozzina a bordo”.

La ragazza disabile di Senigallia, è stata, quindi, costretta a tornare in aereo a Londra, dove studia al Westminster College, senza la sua carrozzina. Gli assistenti, racconta la giovane, si sono rifiutati di imbarcarla perché sostenevano che la carrozzina avesse batterie non idonee, contenenti acido. “Sono rimasta scioccata, ovviamente anche perché avevo già viaggiato con Ryanair con la stessa carrozzina”. Dopo aver comunque verificato che le batterie contessero soltanto gel, non acido, Elena ha voluto denunciare sui social quanto le è accaduto, chiedendo alla Ryanair di “non lasciare che la valutazione a chi non ne capisce” perché “il prezzo ora di quanto è successo lo sto pagando io”. “Sorpresa! – ha concluso la ragazza con amarezza – I disabili viaggiano. Alcuni scelgono di non farlo, però, perché sono stati trattati male e scelgono di stare a casa perché non vogliono ripetere la brutta esperienza”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS