DISOCCUPAZIONE STABILE AD AGOSTO, BENE DONNE E OVER 50 Secondo l'Istat nell'ultimo mese d'estate il tasso di persone in cerca di lavoro è rimasto sostanzialmente invariato rispetto a luglio

204
disoccupazione

Ad agosto il tasso di disoccupazione è stato pari all’11,4%, dato sostanzialmente invariato rispetto a luglio, con 2,9 milioni di persone che, nell’ultimo mese d’estate, erano alla ricerca di un lavoro. Anche l’occupazione, spiega l’Istat, resta stabile al 57,3%, così come l’inattività che resta stabile al 35,2%. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), sempre ad agosto, risulta invece pari al 38,8%, in calo di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente. Nella stessa fascia di età, il tasso di occupazione rimane invariato al 16,0%.

Nel mese di agosto si evidenziano “dinamiche positive” per il lavoro femminile e l’occupazione degli over-50. Rispetto a luglio l’Istat rileva un aumento delle donne occupate pari a 41 mila unità (+0,4%), a fronte di un calo degli uomini occupati pari a 28 mila unità (-0,2%). Anche rispetto ad agosto 2015, si registra un aumento per le lavoratrici pari a 91 mila unità (+1%), mentre per i lavoratori l’incremento si ferma a 71 mila unità (+0,5%). L’incremento maggiore degli occupati ad agosto riguarda le persone di 50 anni o più, che crescono di 50 mila unità (+0,6%) nel confronto mensile e di 401 mila unità (+5,4%) nel confronto annuale. Rispetto ad agosto 2015 sono l’unica fascia di età che vede una crescita degli occupati.

Ad agosto la stima degli occupati registra un lieve incremento rispetto a luglio (+0,1%, pari a +13 mila unità), dopo il calo registrato il mese precedente (-0,3%). Nel confronto con agosto dello scorso anno, si rileva un aumento di 162 mila occupati (+0,7%). In particolare, per i lavoratori a tempo indeterminato si registra un incremento su base mensile dello 0,3% (+45 mila) e su base annua dell’1,7% (+253 mila).

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS