“TESORI GOTICI DALLA SLOVACCHIA”: DA OGGI LA MOSTRA AL QUIRINALE Realizzata in occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell'Unione Europea affidata alla Slovacchia

211

Il Quirinale ospita, da oggi al 13 novembre nella Palazzina Gregoriana, i tesori tardo-gotici provenienti dalla Slovacchia. Con il titolo “Tesori Gotici dalla Slovacchia” l’importante rassegna (inaugurata ieri dal Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella e dal Presidente della Repubblica Slovacca Andrej Kiska) è stata realizzata in occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell’Unione Europea affidata alla Slovacchia nel secondo semestre del 2016.

Con tale iniziativa, la Presidenza della Repubblica Italiana e la Presidenza della Repubblica Slovacca intendono proporre all’ammirazione del pubblico italiano ed europeo una serie di tesori collocati normalmente presso i rispettivi luoghi di origine. Le 36 opere esposte, molte delle quali restaurate per l’occasione, sono state riunite per la prima volta in un percorso capace di restituire sotto vari aspetti (artistico, religioso, socio-economico) un capitolo portante della storia d’Europa.

Meravigliose statue lignee, dipinti cinquecenteschi, monumentali pale di altare, ma anche preziosissimi oggetti liturgici come ostensori o crocifissi sono le opere che rappresentano al meglio il periodo gotico slovacco, contrassegnato da statue e immagini a “tutto tondo”, che sembrano uscire dalla cornice, con l’obiettivo non solo di ornare l’architettura, ma anche di istruire i fedeli sui fondamenti della fede. Capolavori del XV e del XVI secolo provenienti dai più importanti musei e chiese slovacchi, che riflettono le grandi correnti culturali e spirituali che attraversarono l’Europa alla vigilia dell’esplosione del Rinascimento.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS