OBAMA NOMINA L’AMBASCIATORE USA A CUBA: E’ IL PRIMO DOPO 50 ANNI Si tratta di Jeffrey DeLaurentis, già incaricato d'affari all'Avana

253
  • English
  • Español
DeLaurentis

Dopo 50 anni di assenza nell’isola caraibica, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha nominato il primo ambasciatore americano a Cuba. Si tratta di Jeffrey DeLaurentis, già incaricato d’affari all’Avana e capo delegazione per le trattative verso la normalizzazione dei rapporti Usa-Cuba. A renderlo noto è stato lo stesso inquilino della Casa Bianca che ha detto di essere “orgoglioso della nomina del primo ambasciatore”, dopo mezzo secolo di tensioni tra i due Paesi. “La nomina dell’ambasciatore è un passo avanti richiesto dal buon senso verso relazioni più produttive e normali tra i nostri due Paesi”, ha aggiunto il presidente Usa in un nota.

DeLaurentis si trova già all’Avana, ma la sua nomina potrebbe incontrare difficoltà al Congresso, verso la necessaria ratifica del Senato, dove i deputati cubano-americani – in primis il senatore della Florida Marco Rubio e il senatore texano Ted Cruz, si oppongono strenuamente fino a quando non cadrà il regime castrista. “La mia famiglia – commentò il senatore texano di origini cubane all’indomani dell’annuncio della visita di Obama nell’isola – ha conosciuto direttamente l’oppressione e la malvagità” del loro regime. Anche l’altro ex candidato alla nomination repubblicana di origine cubana, Marco Rubio, aveva dichiarato per l’occasione che non si sarebbe mai recato a Cuba senza un cambio di regime: “Non è una Cuba libera – disse – il problema con il governo cubano è che non solo una dittatura comunista, ma è anche una dittatura comunista anti-americana”. “Voglio che le relazioni cambino, ma lo sforzo deve essere reciproco”, aveva concluso.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS