PIOGGIA DI CHEROSENE SULLA FORESTA DELL’ILLE DE FRANCE

228
cherosene

Si era appena alzato in volo dall’aeroporto parigino di Orly diretto a Cayenne, nella Guyana francese, il Boeing di Air France che domenica mattina ha avuto un problema tecnico. Il pilota è stato costretto a svuotare l’intero serbatoio, lasciando cadere decine di tonnellate di cherosene sulla foresta che dell’Ile-de-France, la regione di Parigi.

Il volo, un Boeing 777-200 in grado di trasportare fino a 550 passeggeri, era decollato alle 10:39. Dopo pochi minuti di viaggio, il pilota ha chiesto un atterraggio “di rispetto” a Roissy-Charles De Gaulle per risolvere un problema di pompaggio al motore. Tuttavia, per effettuare l’atterraggio ha dovuto svuotare completamente il serbatoio. Così l’aereo è sceso a circa 1.800 metri di altezza e ha effettuato almeno cinque giri sulla foresta, scaricando sull’Ile-de-France una quantità di cherosene compresa tra i 117 mila e 181 mila litri.

Una “procedura di routine per alleggerire l’apparecchio, una misura eccezionale a discrezione dell’equipaggio, ma che richiede l’autorizzazione del controllo del traffico aereo – fanno sapere dalla compagnia – fatta però sopra la foresta di Fontainebleau, che è lo spazio naturale più protetto di Francia”. La scelta di scaricare migliaia di litri di cherosene sulla foresta non è però andata giù al sindaco della città, Frederic Valletoux, che su Twitter commenta: “È scandaloso che questa procedura sia ancora consentita. La foresta di Fontainebleau accoglie 10 milioni di visitatori l’anno ed è lo spazio naturale più protetto di Francia”.

Fontainbleau è una cittadina che di trova a circa 50 chilometri a sud di Parigi, in mezzo all’omonima foresta, considerata il polmone verde del’Ile-de-France. Il complesso boschivo di circa 25 mila ettari, situato tra la Senna e la Marna, comprende piste ciclabili, sentieri pedonali e una foresta che fu dichiarata riserva artistica nel 1848. Si trova a circa 50 chilometri a sud di Parigi, in mezzo all’omonima foresta, considerata il polmone verde del’Ile-de-France.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS