COMMERCIO: NELL’ESTATE 2016 CALATE LE VENDITE AL DETTAGLIO Il settore a luglio ha registrato una flessione dello 0,3% rispetto a giugno e dello 0,2% in confronto al 2015

253
fiducia

A luglio 2016 le vendite al dettaglio registrano una flessione dello 0,3% rispetto a giugno e a luglio 2015. Lo comunica l’Istat. La flessione congiunturale è la prima a partire da marzo ed è imputabile ai prodotti non alimentari (-0,5% in valore sul mese), mentre quelle di beni alimentari crescono dello 0,3%. Sull’anno, aumentano le vendite nella grande distribuzione (+1,1%) e si contraggono quelle delle imprese di piccole superfici (-1,2%).

Non bastano le vendite di fine stagione a risollevare gli acquisti di moda e i consumi in generale. A luglio 2016 l’Istat rileva, rispetto all’anno precedente, un calo dello 0,2% in valore degli articoli di abbigliamento e pellicceria e una flessione anche per le calzature, gli articoli di cuoio e da viaggio, dello 0,4%. Risultano stazionari, invece, i prodotti di profumeria e per la cura della persona. La flessione complessiva dei consumi (-0,2% nell’anno) è dovuta ai prodotti non alimentari (-0,5% in valore e ancora di più in volume, -1,1%), mentre i prodotti alimentari crescono dello 0,5% in valore e diminuiscono dello 0,1% in volume.

I soli gruppi di prodotti non alimentari in crescita sono giochi, giocattoli, sport e campeggio (+2,7%) e mobili, articoli tessili e arredamento (+0,6%). Le variazioni tendenziali negative di maggiore entità colpiscono cartoleria, libri, giornali e riviste (-4,6%) ed elettrodomestici, radio, tv e registratori (2,3%).

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS