SIRIA, DE MISTURA: “RIPRISTINARE IL CESSATE IL FUOCO DEL 9 SETTEMBRE” In un'intervista a La Stampa, l'inviato dell'Onu si è detto deluso dal fatto che Usa e Russia non siano riusciti a mantenere la tregua

179
de mistura

Bisogna ripristinare il cessate il fuoco entrato in vigore lo scorso 9 settembre, in quanto, secondo l’inviato speciale dell’Onu per la Siria, Staffan De Mistura, l’accordo tra Usa e Russia “c’è, è quello del 9 settembre sulla tregua e la sospensione dei bombardamenti, e per il momento esiste ancora perché né l’ una né l’ altra parte l’hanno rinnegato. Ma è in piedi per miracolo e va fatto rivivere”.

Parlando in un’intervista rilasciata a “La Stampa”, l’inviato dell’Onu si è detto deluso dal fatto che le parti non siano riuscite a rispettare quell’ accordo “negoziato fino all’ultima virgola”. “Rischiamo – ha avvertito – di avere una guerra strisciante a bassa intensità ma di lunga durata e conseguenze elevate”. La sospensione delle attività militari, spiega De Mistura, deve reggere “per sette giorni. Ciò darebbe agli occhi degli americani sufficiente credibilità” per creare quel centro operativo tra russi e americani per il coordinamento di “attacchi mirati ad Al Nusra. A quel punto i ribelli moderati si troverebbero davanti a una scelta difficile ma urgente, separarsi o meno dai terroristi”.

“So per certo che americani e russi non hanno rinunciato al progetto e all’ impegno, visto che hanno annunciato di volerlo realizzare”, dice ribadendo che però c’è un limite temporale per l’ accordo: “Washington ha bisogno di provare a se stessa che ci sono dei risultati, e lo deve fare prima delle elezioni. I russi hanno bisogno di approfittare del fatto che o si fa un accordo adesso o questa guerra continuerà sino a quando un nuovo presidente degli Stati Uniti comincerà ad occuparsi della Siria. Questo significa sette, otto o dieci mesi ancora di conflitto. Sempre se il nuovo presidente se ne vorrà occupare”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS