ASMA, ARRIVA IL TEST DELLA SALIVA: ACCURATEZZA E RISULTATI IN BREVE TEMPO Fino a oggi l'asma si poteva diagnosticare principalmente mediante l'utilizzo di test della funzione respiratoria

197
asma

Buone notizie per chi sospetta di soffrire di asma. E’ stato infatti messo a punto un semplice test della saliva per diagnosticare questa fastidiosa – e in molti casi pericolosa – patologia, una novità che potrebbe essere risolutiva per la sua facilità e velocità di esecuzione, specie per i bimbi molto piccoli. Il test è stato sviluppato da un gruppo di esperti dell’università di Loughborough in Gran Bretagna e si basa sull’analisi chimica di un piccolo campione di saliva.

Fino a oggi l’asma si poteva diagnosticare principalmente mediante l’utilizzo di test della funzione respiratoria, eami che possono essere lunghi e non facili da usare, specie su bambini. Inoltre questi tipi di test possono essere poco accurati e, spesso, non evidenziano lo stato di gravità della patologia.

I ricercatori inglesi hanno utilizzato una tecnica molto in uso nei laboratori di chimica – la spettrometria di massa – per analizzare la composizione della saliva di un gruppo di pazienti asmatici e di soggetti sani ed hanno trovato differenze sostanziali tra i 2 gruppi, tanto che dicono di poter non solo evidenziare con facilità ch soffre di asma e chi no, ma anche il livello di gravità della malattia. Con la spettrometria si possono vedere tutti i composti presenti nel campione di saliva e anche la concentrazione relativa di ciascuno. Gli esperti hanno visto che i pazienti asmatici presentano un mix di composti molto differente da quello dei soggetti sani.

Prima che questo test entri in uso clinico sui pazienti, però, si devono svolgere nuove sperimentazioni per confermarne la validità, coinvolgendo campioni più ampi di individui.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS