ATTACCO HACKER A YAHOO: ONLINE IL PASSAPORTO DI MICHELLE OBAMA Rubati dati personali di 500 milioni di utenti. Si batte la pista dei pirati informatici stranieri

236
yahoo

Cinquecento milioni di dati personali rubati. E’ questo il bilancio del maxi attacco informatico subito da Yahoo. Tra le vittime anche la First lady Michelle Obama, il cui passaporto finisce online insieme e-mail personali di alcuni dipendenti della Casa Bianca che hanno lavorato con la campagna presidenziale di Hillary Clinton. Anche in questo caso si ipotizza l’azione di uno Stato straniero.

Le indagini

Le autorità seguono il caso e indagano su quello che ha coinvolto Michelle, ultima vittima in ordine temporale di Dc Leaks, il gruppo probabilmente legato ai servizi segreti russi. Il motore di ricerca ha confermato l’aggressione informatica avvenuta nel 2014 e il furto di informazioni personali di 500 milioni di clienti sul miliardo totale della società. Un’ammissione che rischia di creare tensioni nella vendita di Yahoo! a Verizon. “Lavoriamo con le autorità” afferma Yahoo!, sottolineando che le indagini condotte non hanno rivelato la presenza di un “attore esterno sponsorizzato da uno Stato” nelle rete della società.

I precedenti

Negli ultimi tempi diverse società americane sono state vittime di attacchi hacker da parte di soggetti legati a governi stranieri, e i sospetti principali sono caduti su Russia e Cina. Le nozze fra Yahoo! e Verizon non sono state ancora formalizzate: all’appello manca il via libera delle autorità e degli azionisti del motore di ricerca. L’impatto della conferma sull’operazione non è ancora chiaro ma, secondo gli analisti, potrebbe rendere la strada più impervia, soprattutto in termini di assunzione della responsabilità in un momento di transizione.

Il caso

Le prime indiscrezioni su un possibile attacco hacker contro Yahoo! risalgono ad agosto, quando l’hacker “Peace” ha annunciato di aver messo in vendita i dati di 200 milioni di utenti per 3 bitcoin, circa 1.800 dollari. Yahoo! si era detta consapevole dei rumors ma non aveva preso una posizione, avviando solo un’indagine interna. I dati rubati includono i nomi degli utenti, le date di nascita e altri loro indirizzi e-mail. Non ci sono informazioni finanziarie e questo esonererebbe Yahoo! dal dover contattare ogni singolo cliente e offrire servizi di monitoraggio del credito.

Danno d’immagine

A livello di immagine, però, il colpo è pesante. Yahoo!, consapevole dell’attacco, non ha invitato gli utenti a cambiare la password per precauzione, mostrandosi non reattivo. E chiedere la modifica ora potrebbe essere troppo poco e troppo tardi. Il cyber-attacco rappresenta anche un nuovo colpo per Marissa Mayer, l’amministratore delegato di Yahoo!, sulla quale erano state riposte le speranze del rilancio. Speranze però naufragate dopo anni di taglio costi e che hanno spinto Yahoo! a mettersi in vendita. Mayer se lascia l’incarico nell’ambito dell’accordo con Verizon incasserà 44 milioni di dollari.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS