REPORTER SOTTO CASA DI RAGGI, LA SINDACA: “RISPETTO PER MIO FIGLIO” La sindaca in un post su Facebook: "Fate pena. Tutta la vita ad aspettare che una persona inciampi"

458
raggi pensa

“Buongiorno a quei poveri giornalisti che aspettano ore e ore sotto casa mia”. Lo ha scritto in un post la sindaca Virginia Raggi pubblicato su Facebook, che accompagna un video fatto dalla stessa sindaca ai fotoreporter. “Cosa vi hanno ordinato di catturare oggi? – prosegue – Un dito nel naso, i capelli fuori posto, mio figlio che magari fa i capricci, per dire che sono una madre snaturata? Mi fate un po’ pena, a dire la verità, tutta la vita ad aspettare che qualcuno inciampi… Forse siamo al giornalismo 3.0?”.

Raggi in un altro post pubblicato poco dopo spiega perché ha postato il video: “la trasparenza è anche questa: che le persone sappiano come fate vivere non tanto me ma mio figlio che non alcuna responsabilità su questa follia che state creando”. E ancora la sindaca aggiunge di avere “un video di giornalisti che scattano foto mentre porto Matteo al centro estivo…”. E ad un fotografo che le scrive: “sindaco c’è gente che ci odia. E’ contenta”. Replica nel post: “forse non è solo merito mio”. La sindaca è al lavoro per completare i tasselli mancanti alla Giunta, a partire dall’assessore al Bilancio dopo lo stop a Raffaele De Dominicis.

Intanto Beppe Grillo fa sapere in un post di essere intenzionato ad allargare la struttura di coordinamento del movimento e a rafforzare gli strumenti di democrazia diretta. Dal novembre del 2014, ricorda infatti il leader del M5s, “Alessandro Di Battista, Luigi Di Maio, Roberto Fico, Carla Ruocco e Carlo Sibilia operano come riferimento più ampio del M5S sul territorio e in Parlamento e si confrontano regolarmente con me per esaminare la situazione generale, condividere le decisioni più urgenti e costruire, con l’aiuto di tutti, il futuro del Movimento 5 Stelle”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS