SIRIA: FUMATA BIANCA TRA USA E RUSSIA PER LA TREGUA

296
  • English
kerry-lavrov

Svolta in Siria. Al termine di una maratona di dodici ore durante cui non sono mancati momenti di tensione Stati Uniti e Russia hanno raggiunto un accordo per un reale cessate il fuoco che aiuti il Paese mediorientale verso una transizione politica, anche attraverso una collaborazione militare sul campo: un accordo che, se applicato, entrerà in vigore dal tramonto di lunedì.

L’accordo

Mosca e Washington, sette giorni dopo la cessazione delle ostilità, creeranno poi “un centro congiunto” per la lotta all’Isis ed al Fronte al-Nusra con l’obiettivo, ha spiegato Lavrov, di “separare i terroristi dall’opposizione moderata”. Ci saranno, ha annunciato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, raid coordinati contro i terroristi condotti dall’Aeronautica russa e statunitense: “Abbiamo raggiunto un accordo sulle aree in cui avverranno e, in queste aree, sulla base di un’intesa di neutralità condivisa dal governo siriano, saranno operative sole le forze aree russe ed americane”.

Stop ai combattimenti

Il piano concordato prevede che il regime di Damasco, sostenuto dai russi, non conduca missioni di combattimento nelle aree controllate dai ribelli, permettendo così l’arrivo di aiuti umanitari alla popolazione assediata. Tutte le parti dovranno aderire alla tregua prima che il programma entri completamente in vigore. Secondo John Kerry, con la fine dei raid siriani c’è la possibilità di “cambiare la natura del conflitto”, dal momento che sono state queste azioni la causa principale delle vittime e dei flussi migratori.

Ok delle opposizioni

Dopo l’annuncio dell’accordo, un portavoce dell’Alto comitato per i negoziati, l’ombrello che riunisce le principali sigle dell’opposizione siriana, ha fatto sapere che sosterrà l’intesa, a condizione ovviamente che il regime rispetti il cessate il fuoco. L’inviato delle Nazioni Unite in Siria, Staffan de Mistura, ha espresso l’auspicio che l’accordo contribuisca “ai rinnovati sforzi per raggiungere un accordo politico del conflitto”.

L’appello di Mosca

“Oggi – ha dichiarato Kerry da Ginevra nella notte – Sergei Lavrov e io, a nome dei nostri presidenti e dei nostri Paesi, ci appelliamo a tutte gli attori siriani perché sostengano il piano al quale sono pervenuti Stati Uniti e Russia per mettere fine al più presto possibile a questo conflitto catastrofico attraverso un processo politico”. Nel sottolineare che sono stati concordati cinque documenti per consentire il coordinamento della lotta contro il terrorismo e la ripresa della tregua che era stata decisa a febbraio, il ministro degli Esteri russo ha spiegato che il piano “permette di attuare un coordinamento efficace per combattere il terrorismo, anzitutto ad Aleppo, e tornare al cessate il fuoco. Tutto queste crea le condizioni per un ritorno al processo politico”.

L’Onu

Dal canto suo, de Mistura ha detto di “attendersi che tutte le parti facilitino gli sforzi delle Nazioni Unite per la consegna degli aiuti umanitari alle popolazioni che ne hanno bisogno, comprese quelle che vivono nelle zone assediate”. LOnu, ha concluso, “spera che la volontà politica che ha condotto a questo accordo sia duratura”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS