La cura sbagliata

1617
logistica

Non capisco i commenti che anche da qualche parte del mondo cattolico cercano di vedere qualche cosa di positivo nei dati forniti in questi giorni dall’Istat sulla crescita economica italiana. Sono commenti che non mi convincono penso non abbiano convinto la metà del Paese che sta male perché non riesce ad arrivare a fine mese cui la informazione dei giornaloni e gran parte della politica non pensa per usare la metafora dell’Arcivescovo di Torino, Mons. Nosiglia.

Tra due mesi son cinque anni dall’arrivo del “salvatore” Mario Monti. Rispetto ad allora la disoccupazione è aumentata del 30-40% , 1 giovane su due non trova lavoro, il Debito pubblico e’ aumentato di altri 300 miliardi, molte aziende italiane sono state acquisite dall’estero etc.etc.e la crescita ha ritmo tale che recupereremo i livelli di benessere del 2007 se va bene tra 10 anni. E nel frattempo?

Se dopo cinque anni di cure siamo così ho la forte impressione che la cura applicata sia stata sbagliata. Un ammalato che dopo cinque anni di cure di questo tipo non riesce a riprendersi probabilmente sarebbe già defunto o sulla sedia a rotelle. L’Italia che conta molto di meno nel panorama internazionale, a parte i sorrisi di circostanza, ha diminuito la sua crescita potenziale e soprattutto non offre più opportunità di lavoro ai giovani.

Con tutte le riforme, annunciate e presentate ai vari work shop negli alberghi più belli, l’Italia è al penultimo posto per tasso di crescita in Europa. Se I commentatori dei grandi giornaloni vedessero le cose dalla parte di un padre di famiglia che ha figli disoccupati e che non riescono a trovare posti di lavoro direbbe le stesse cose?

La regola economica più importante per chi fa politica, e quindi deve assolutamente mettersi nei panni della gente e in particolare dei soggetti più deboli , è quella del Principe De Curtis:” è la somma che fa il totale”. La somma dopo cinque anni dà un totale negativo. Prima lo capiamo e lo diciamo e meglio e’ per il Paese e per le giovani generazioni.

Solo se abbiamo il coraggio di dire alla Merkel che la cura di fine 2011 era sbagliata ed ha fatto star male molte imprese e la gente , avremo qualche probabilità che venga cambiata con una politica di sviluppo. Se non ci fosse Draghi, in presenza di un nuovo attacco speculativo, per lo spread saremmo come ai livelli del 2011 perché il nostro Debito pubblico è cresciuto e la nostra crescita permane molto bassa. La sfortuna e’ che le giovani generazioni, contrariamente al passato, quando la maggioranza dei diciottenni al primo voto votavano la Dc, partito di Governo, ora si sono affidati ai 5 Stelle che propugnano la decrescita e non sanno come si ottiene la crescita.

Se gli uomini che sanno di numeri non prendono il coraggio di parlare schiettamente al Paese come faremo a rilanciarci? In questi anni la politica , compreso la Presidenza della Repubblica, ha sbagliato molte scelte, ma anche il mondo degli economisti e della carta stampata non ha spinto gli ultimi tre Governi non eletti a lavorare per la crescita del Paese, unico modo per creare posti di lavoro veri. Viene in mente un libro importante “il tradimento dei chierici” o della classe intellettuale che troppo supina verso il nuovo potere ha dimenticato l’interesse reale del Paese.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

3 COMMENTS

  1. Credo di concordare molto con questa analisi.
    Tuttavia una cosa non ho mai trovato spiegata alle masse:
    L’inesorabilità della cosiddetta “Legge di MOORE”.
    Ho cominciato a lavorare nel 1955 da metalmeccanico – in officina – 48 ore settimanali e “sabato inglese” ossia si lavorava solo al mattino; due sole settimane di ferie.
    In 30 anni, grazie al progresso e alle lotte sindacali si arrivò alle 40 ore – i week end al mare – quasi un mese di ferie.
    il “baracchino” FIAT però faceva un lavoro avvilente: tutto il turno di lavoro stringeva in catena lo stesso bullone.
    Sono passati ben più di 30 anni – le ore lavorative sono sempre 40 –
    Un robot accuratamente programmato stringe in un sol colpo fino a 16 di quei bulloni – non sciopera e quel che chiede è solo energia e manutenzione – un tecnico altamente specializzato puo’ accudire una decina di quei mostri.
    É l’effetto della legge di MOORE (uno degli inventori dei microelaboratori) che recita più o meno che ogni anno un sistema elaborativo dimezza di costo e dimensioni e raddoppia la propria capacità di elaborazione.
    Ma così si sono sostituiti i robot agli operai (nei lavori defatiganti e avvilenti), persone che hanno tuttavia la necessità di una vita dignitosa – ma se non hanno reddito come possono averla?
    Non è forse questo il quesito /necessità che ha la nostra società e alla quale gli attuali governanti non sanno rispondere o non ne hanno la capacità?
    Prima o poi saranno anche loro sostituiti. Forse da chi sa effettivamente utilizzare gli strumenti elaborativi, ma usare anche una coscienza per utilizzarli.
    Giorno verrà…

  2. Apprezzo questo articolo perché è alla parte di chi non trova lavoro, a causa di una burocrazia inutile e troppo costosa. Le troppe tasse ha bloccato lo sviluppo economico e gli industriali prouco tutto all’estero.
    Spostano le sedi delle aziende nei paesi a più bassa tassazione, per non fallire

LEAVE A REPLY