A PALAZZO MADAMA LA MOSTRA “DONNE FOTOREPORTER IN LUOGHI DI GUERRA” Ciascuna delle 14 fotografe presenta 5 foto emblematiche del proprio lavoro

507

Palazzo Madama presenta, dal 7 ottobre al 13 novembre 2016, “In prima linea. Donne fotoreporter in luoghi di guerra”. Una mostra costituita da settanta immagini scattate da quattordici giovani donne fotoreporter che lavorano per le maggiori testate internazionali e che provengono da diverse nazioni quali Italia, Egitto, Usa, Croazia, Belgio, Francia, Gran Bretagna, Spagna.

Linda Dorigo, Virginie Nguyen Hoang, Jodi Hilton, Andreja Restek, Annabell Van den Berghe, Laurence Geai, Capucine Granier-Deferre, Diana Zeyneb Alhindawi, Matilde Gattoni, Shelly Kittleson, Maysun, Alison Baskerville, Monique Jaques, Camille Lepage si muovono coraggiosamente in atroci e rischiosi campi di battaglia per documentare e denunciare una “terza guerra mondiale” che, nostro malgrado, è in corso in Africa e in Medio Oriente.

A Torino ciascuna delle fotografe presenta 5 foto emblematiche del proprio lavoro e della propria capacità di catturare non solo un’azione ma anche un’emozione, denunciando una violenza che il più delle volte ricade sui più deboli, sugli indifesi.

Le 70 fotografie sono esteticamente bellissime, pur nella durezza dei loro contenuti. Foto a colori e in bianco e nero, il più delle volte scattate con macchine digitali; ma c’è anche chi ancora usa la pellicola, senza quasi mai trattare o elaborare con programmi computerizzati l’immagine, usando il computer e internet solo per spedire il più velocemente possibile ai quotidiani e agli organi di stampa quegli “articoli” scritti con la fotocamera, senza alcun bisogno di aggiungere parole superflue, se non una sintetica didascalia che precisa il dove e il quando.

La mostra è promossa congiuntamente dall’Associazione Gi.U.Li.A – Giornaliste Unite Libere Autonome – e da Adcf Onlus, l’Ambulanza dal Cuore Forte, con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte e Associazione Stampa Subalpina.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS