ALLARME ALL’AEROPORTO DI FRANCOFORTE, EVACUATO IL TERMINAL 1 Paura per l'intrusione di un uomo non autorizzato. Si era in principio parlato di allarme bomba

553
  • English
francoforte

All’inizio si era parlato di allarme bomba, poi dell’intrusione di un soggetto non autorizzato. Fatto sta che l’aeroporto di Francoforte, il più grande della Germania e l’undicesimo nel mondo, è stato evacuato e sono entrate in azione le forze di sicurezza. L’operazione ha interessato parte del terminal 1 dello scalo, allorché una persona è entrata nell’area di sicurezza prima che gli appositi controlli fossero conclusi.

I gate coinvolti

Secondo quanto riferito dalla polizia, i gate coinvolti dall’evacuazione nell’aeroporto di Francoforte sono A e A+ del terminal 1. Le operazioni sono ancora in corso e Lufthansa prevede ritardi nei voli.

L’agenzia di stampa Dpa riporta che la persona sospetta che ha fatto scattare l’allarme, passando i controlli prima che le operazioni di sicurezza fossero completate, sarebbe un uomo, probabilmente un passeggero, ma non è chiaro se abbia deciso intenzionalmente di entrare nell’area di partenza prima della fine dei controlli.

Massima allerta

D’altronde l’allerta è massima in tutti gli aeroporti del mondo. Gli Stati Uniti, subito seguiti dalla Gran Bretagna, hanno informato di aver richiesto agli aeroporti da cui “partono voli diretti negli Usa” di aumentare le misure di sicurezza “sia visibili dal pubblico che non visibili”. Aumentati i controlli sui dispositivi elettronici, perquisizioni più severe sia delle persone che dei bagagli, anche l’ausilio dei cani addestrati per individuare esplosivi.

I precedenti

A marzo i blitz dell’Isis in Belgio: due presso l’aeroporto di Bruxelles e uno alla stazione della metropolitana di Maalbeek, che hanno provocato decine di morti e feriti. Poi a giugno sotto tiro è finito il maggiore aeroporto della Turchia: terroristi armati di kalashnikov hanno aperto il fuoco ai controlli di sicurezza nella zona degli arrivi dell’aeroporto Ataturk, provocando una mattanza.

Pochi giorni fa all’aeroporto internazionale di Los Angeles, è scattato l’allarme per una presunta sparatoria. Il sospetto era che un uomo avesse aperto il fuoco contro i passeggeri. Ma la polizia ha riferito che i presunti spari erano in realtà solamente dei “forti rumori”. Ma oggi come oggi nulla può essere sottovalutato.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY