OGGI LUTTO NAZIONALE, MATTARELLA AL FUNERALE DI STATO Oggi i funerali solenni ad Ascoli Piceno per le vittime del Comune di Arquata del Tronto

585
mattarella

Il presidente Sergio Mattarella visiterà questa mattina alcune delle aree colpite dal sisma nel Lazio, tra cui Amatrice. Il capo dello Stato partirà poi alla volta ad Ascoli Piceno per i funerali delle vittime marchigiane del terremoto. E’ stata annullata, poi, la visita di Mattarella il 31 agosto e il primo settembre a Venezia. La visita prevedeva la presenza alla serata inaugurale della Mostra del Cinema al Lido di Venezia e una visita all’Esposizione Internazionale di Architettura, ai Giardini e all’Arsenale, promosse dalla Biennale di Venezia.

Nella mattinata di ieri era venuto a pregare e portare il proprio sostegno ai terremotati laziali mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza episcopale italiana (Cei). Il numero due della Cei, nel corso della mattinata, si era sentito con mons. Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno, mentre durante la visita era stato accompagnato da mons. Domenico Pompili, vescovo di Rieti. Ad Amatrice ha pregato sulle salme, nel campo dove sono raccolte le vittime. Quindi, alla tendopoli, ha incontrato gli sfollati, il parroco don Savino D’Amelio e alcuni sacerdoti.

I funerali solenni ad Ascoli Piceno per le vittime del terremoto del Comune di Arquata del Tronto verrano celebrati stamattina dal Vescovo D’Ercole. Nella palestra adiacente all’ospedale “Mazzoni”, le esequie inizieranno alle 11,30 alla presenza delle massime autorità dello Stato compreso il premier Matteo Renzi. In concomitanza con il rito, il Presidente del Consiglio ha proclamato una giornata di lutto nazionale con l’esposizione di bandiere a mezz’asta sugli edifici pubblici dell’intero territorio italiano. “Sarebbe stato un segnale bruttissimo se lo Stato non avesse deciso di fare un funerale collettivo e solenne per le vittime del terremoto” ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS