“LA MEDAGLIA PIU’ BELLA”: GLI AZZURRI DELL’ITALVOLLEY DEVOLVONO IL PREMIO AGNELLI AI TERREMOTATI La Fondazione Agnelli, insieme al Coni e alla Gazzetta dello Sport, ha premiato i tre atleti di Rio 2016 più amati

975

“Questi sono giorni molto particolari per il nostro Paese e quello che è successo fra Umbria, Lazio e Marche, con il devastante terremoto, non ci può lasciare indifferenti. Il nostro pensiero va a quelle popolazioni, a chi ha perso tutto e in questo momento sta soffrendo. Anzi, dopo essermi sentito con i miei compagni abbiamo deciso di devolvere il premio della Fondazione Agnelli alle popolazioni colpite dal sisma dell’altra notte”. Ad annunciare la donazione è il capitano della nazionale azzurra di pallavolo, Emanuele Birarelli, medaglia d’argento alle recenti Olimpiadi di Rio.

In occasione del 50° anniversario, la Fondazione Giovanni Agnelli, insieme al Coni e alla Gazzetta dello Sport, ha voluto premiare tre atleti o squadre di Rio 2016 più amati dagli sportivi italiani donando ai vincitori le stesse cifre stanziate dal Coni per l’oro (150 mila euro), l’argento (75 mila) e il bronzo (50 mila). Oltre 50mila persone hanno votato sul sito del quotidiano sportivo le tre medaglie più emozionanti; ad aggiudicarsi il primo premio è stato Daniele Garozzo, oro nel fioretto individuale; il secondo premio Elia Viviani, oro nell’Omnium; il terzo, la nazionale di pallavolo maschile guidata da mister Blengini.

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, capitan Birarelli ha confermato la donazione. “Ieri mattina, quando mi ha chiamato John Elkann – per annunciare la vincita – sulle prime ho pensato al classico scherzo di qualche amico. Poi, quando mi ha parlato della Fondazione Agnelli e di questa iniziativa legata ai Giochi brasiliani, con il sito della Gazzetta dello Sport, ho capito che era vero”. Una nuova vittoria per l’ItalVolley e per la solidarietà con la “s” maiuscola.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS