KASHMIR, NUOVI SCONTRI TRA POLIZIA E MANIFESTANTI: 17 FERITI I disordini nel Kashmir indiano sono scoppiati dopo che l'8 luglio è stato ucciso dalle forze di sicurezza Burhan Wani, un giovane comandante del gruppo separatista Hizbul Mujaheddin

530
kashmir

Almeno 17 persone sono rimaste ferite a Shopian, nello Stato indiano di Jammu & Kashmir, in scontri fra dimostranti, che lanciavano sassi, e agenti di polizia che hanno usato sfollagente, bombe lacrimogene e fucili a pallini. Lo riferisce l’agenzia di stampa Pti. Un portavoce della polizia indiana ha indicato che alcune centinaia di persone sono scese in piazza nel villaggio di Vehil per protestare contro l’uccisione di decine di dimostranti, per lo pià giovani, da parte delle forze dell’ordine.

Secondo la stessa fonte però, come riportato dallì’agenzia Ansa, ad un certo punto la manifestazione si è fatta violenta ed un gruppo di dimostranti ha esposto bandiere pachistane cominciando a lanciare pietre contro gli agenti che hanno risposto con forza. “Quattro dei feriti – ha infine detto il portavoce – sono stati trasferiti in un ospedale di Srinagar per cure specifiche”. La Pti segnala infine che incidenti e sassaiole sono stati segnalati anche nel quartiere di Nowgam a Srinagar, nella zona di Khushhaalpora a Sopore e a Bandipora. I disordini nel Kashmir indiano sono scoppiati dopo che l’8 luglio è stato ucciso dalle forze di sicurezza Burhan Wani, un giovane comandante del gruppo separatista Hizbul Mujaheddin. Da allora, nonostante uno stretto coprifuoco, vi sono stati almeno 77 morti, fra cui due agenti, e 6.000 feriti

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS