USA, KERRY SOLLECITA LE FORZE DI PROTEZIONE ONU PER IL SUD SUDAN Il segretario di Statoe ha ipotizzato un nuovo pacchetto di aiuti pari a 138 milioni di dollari

530

Il segretario di Stato americano John Kerry da Nairobi, capitale del Kenya dove è in visita, ha sollecitato il dispiegamento della “forza di protezione” Onu in Sud Sudan, indipendente dal 2011 e piombato in una devastante guerra civile nel 2013. Nello specifico, Kerry ha ipotizzato un nuovo pacchetto di aiuti, pari a 138 milioni di dollari, da destinare al paese, per sostenere la ripresa delle trattative politiche.Recentemente, il Consiglio di sicurezza Onu aveva adottato una risoluzione presentata dagli Stati Uniti, con cui autorizzava lo schieramento di 4.000 caschi blu supplementari.

“I leaders del Sudan del Sud – ha detto il segretario di Stato Usa – devono assumersi le proprie responsabilità. Devono porre gli interessi dei propri cittadini al primo posto e devono evitare azioni violente e provocatorie. Ed è arrivato il tempo di sostituire al confronto e all’impunità, riconciliazione e affidabilità”. Pochi giorni fa, una organizzazione umanitaria aveva denunciato sistematici stupri e violenze sulla popolazione sud-sudanese da parte sia dell’esercito governativo, sia dei miliziani dell’opposizione.

Kerry, durante i colloqui con il presidente del Kenya Uhuru Kenyatta, ha parlato di crisi in Sud Sudan e lotta al terrorismo in Somalia. Nel suo tour africano, il leader Usa incontrerà anche i ministri degli Esteri di Kenya, Uganda, Somalia, Sudan e Sud Sudan per discutere di sicurezza regionale e terrorismo. Domani sarà in Nigeria e quindi in Arabia Saudita per discutere di guerra in Siria e lotta all’Isis. In proposito, ha chiarito che i colloqui tra Usa e Russia sulla Siria sono passati al livello dei dettagli tecnici e stanno quindi per concludersi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS