COLTO CON LE MANI NEL SACCO, LADRO INGOIA IL BOTTINO PER SFUGGIRE ALLA POLIZIA

463
ladro

Tre anelli, una collana e un gemello d’oro. E’ quello che i medici di un ospedale romano hanno trovato nella pancia di un 38 enne kosovaro, un ladro finito al pronto soccorso dopo essere stato colto in flagrante dalla polizia mentre stava “ripulendo” un appartamento nella periferia della Capitale.

Tutto è accaduto la settimana scorsa in una Roma quasi vuota, il momento migliore per i cosiddetti “topi di appartamento”, che possono agire indisturbati senza il pericolo che i proprietari di casa tornino da un momento all’altro.

Verso mezzanotte la polizia viene allertata da un uomo che sente dei rumori sospetti provenire dalla casa del vicino, che in quei giorni era in vacanza al mare. Viene immediatamente inviata una volante per verificare la segnalazione e, in effetti, non appena arrivati gli agenti notano dei strani movimenti davanti l’indirizzo segnalato.

Uno dei due ladri, quello che faceva il palo, ha cercato di fuggire scavalcando una recinzione, ma è stato fermato dopo pochi metri. Per quanto riguarda il rapinatore che si trovava ancora all’interno dell’appartamento, le cose sono state più complicate.

Alla vista dei poliziotti, infatti, l’uomo ha deciso di inghiottire parte del bottino della serata, sotto gli occhi increduli degli agenti che hanno immediatamente chiamato un’ambulanza. Il kosovaro è stato trasportato d’urgenza in ospedale dove i medici hanno dovuto fargli una lavanda gastrica per evitare serie ripercussioni.

Una volta recuparti gli ogetti rubati e salvata la vita del ladro, gli agenti hanno condotto i due malviventi in commissariato e, durante le perquisizioni, hanno scoperto che uno dei due aveva nascosto altri gioelli negli slip e nel marsupio.

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS