NEL MEDITERRANEO IL PIU’ ANTICO TRATTO DI CROSTA OCEANICA AL MONDO Analizzata una striscia di terra compresa tra Cipro, Creta e l'Egitto, nota come Bacino di Erodoto

587

E’ nel Mediterraneo il più antico tratto di crosta oceanica del mondo, e non in uno dei grandi oceani che coprono buona parte della superficie terrestre. Per la precisione, la crosta è una striscia compresa tra Cipro, Creta e l’Egitto, nota come Bacino di Erodoto. Con oltre 340 milioni di anni di età, ha il merito di essere 140 milioni di anni più vecchia della maggior parte della crosta oceanica che, di milioni di anni, ne ha “solo” 200. La sua fortuna è proprio quella di non vivere in un oceano e di essere potuta così sfuggire al ‘riciclaggio geologico’, che avviene nelle zone in cui le placche tettoniche scivolano le une sotto le altre.

Lo studio è stato guidato da Roi Granot, dell’università israeliana Ben-Gurion del Negev, ed è stato pubblicato sulla rivista Nature Geoscience. Secondo Granot, l’alta densità di crosta oceanica fa sì che venga ‘riciclata’ nel mantello terrestre abbastanza rapidamente no permettendo una datazione superiore ai 200 milioni di anni.

Il bacino di Erodoto, al contrario, potrebbe rivelare anche resti più antichi, ma i sedimenti molto spessi che ricoprono l’intera area ne aveva reso finora difficile lo studio. Per riuscire ad analizzare la struttura della crosta, Granot si è servito dei dati magnetici scoprendo che lo rocce hanno delle strisce magnetiche, una caratteristica tipica della crosta oceanica. Quando il magma si raffredda, i minerali magnetici nelle nuove rocce che si formano si allineano con la direzione del campo magnetico della Terra. I cambiamenti nell’orientamento del campo magnetico nel tempo vengono registrati dal fondo oceanico, creando una sorta di ‘codice a barre’ unico, un ‘francobollo del tempo’ della formazione della crosta.

Identificando le alterazioni delle strisce magnetiche, i ricercatori hanno potuto dimostrare che il Bacino di Erodoto potrebbe avere più di 340 milioni di anni. La cosa è spiegabile se la zona fosse il resto dell’antico oceano di Teti, esistito al tempo del super-continente Pangea, molto prima della “nascita” degli oceani Atlantico e Indiano. Se così fosse, ciò significherebbe che il primo oceano si è formato molto prima di quanto pensato finora.

L’Oceano Tetide (o semplicemente Teti, nome della dea greca moglie e sorella del dio Oceano) era un braccio oceanico disposto in senso Est-Ovest che, nei tempi geologici compresi tra il Permiano ed il Miocene, separava l’Africa settentrionale dall’Europa e dall’Asia. Ad oggi, l’apertura dell’Oceano Teti è fissata a circa 250 milioni di anni fa, quasi 100 milioni di anni dopo la formazione del bacino di Erodoto.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS