OLIMPIADI, GINNASTA MESSICANA INSULTATA SU TWITTER: “E’ GRASSA”

625
ginnasta

Tra record battuti, sconfitte epiche e colpi di scena, queste Olimpiadi passeranno alla storia come i “Giochi delle polemiche”, legate essenzialmente alla forma fisica degli atleti. Dopo il caso delle tre atlete della squadra italiana del tiro con l’arco, apostrofate dal Quotidiano Sportivo come “cicciottelle”, un caso simile sta sollevando gli utenti del web. A finire nel mirino dei social è Alexa Moreno, ginnasta messicana di 22 anni in gara alle Olimpiadi di Rio. Arrivata trentunesima alle qualificazioni dell’individuale femminile, Alexa è stata vittima di pesanti insulti e critiche da parte di alcuni utenti su Twitter, che l’hanno sbeffeggiata per il suo aspetto fisico. Tra chi l’ha chiamata “pseudo-atleta” e “grassa”, c’è anche chi si è spinto oltre, paragonandola al cartone animato “Peppa Pig”: “Le immagini esclusive di Alexa Moreno alla fine delle qualificazioni” ha postato un account con una foto del celebre maialino, prima di rimuovere il tweet. “Alexa Moreno ha il corpo di due ginnaste messe insieme – ha scritto un altro utente – prima di andare alle Olimpiadi sarebbe stato bello mettersi a dieta”.

Immediata la levata di scudi su Twitter, dove in molti hanno preso le difese dell’atleta definendola, al contrario, “potente”, “bellissima” e “un esempio da seguire”. “Vorrei essere io come #AlexaMoreno! – ha twittato una internauta – Invece se cerco di grattarmi la spalla rimango bloccata per 3 settimane. Cafoni e frustrati ne abbiamo?”, cui fa eco un’altra utente: “La gente che prende in giro Alexa Moreno per il suo fisico è la stessa che non è capace di saltare sulla trave o alzarsi per prendere il telecomando della tv”.

Con cinque gare all’attivo solo a Rio, dove ha raggiunto risultati sorprendenti (qualificandosi, tra l’altro 12ma nel volteggio femminile e 51esima nella trave) quel che è certo è che con il suo corpo, come ricorda il “Mail Online”, Alexa ha fatto molto di più di quello che la maggior parte dei suoi connazionali, e nella fattispecie i suoi detrattori, sogna. Del resto, come ha scritto un’altra utente: “Le persone che stanno criticando #AlexaMoreno probabilmente non riescono neanche a toccarsi le dita dei piedi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS