THAILANDIA, 11 BOMBE IN DIVERSE LOCALITA’: TRA I FERITI ANCHE 2 ITALIANI

543
  • English
THAILANDIA

Quattro persone morte e una quarantina di feriti. E’ il bilancio della serie di attentati che nelle ultime ore hanno scosso la Thailandia. In tutto, almeno 11 bombe sono esplose nel Paese, in diverse località: cinque ordigni sono deflagrati in località costiere nel sud del Paese, tra cui le i resort di Hua Hin e Phuket.

Gli attacchi, che non sono stati rivendicati, appaiono chiaramente coordinati. Mentre continuano le indagini, le autorità di Bangkok – notoriamente timorose degli effetti sul turismo – hanno escluso l’ipotesi terroristica e in particolare il terrorismo islamico, preferendo parlare di “sabotaggio locale”.

L’attacco più grave è avvenuto ieri sera a Hua Hin, 200 chilometri a sud di Bangkok. In una via adiacente a un popolare mercatino turistico, due ordigni sono esplosi a venti minuti di distanza, causando un morto e oltre 20 feriti tra cui due italiani. Uno di essi è stato dimesso dopo le prime cure, mentre il secondo – il 51enne Andrea Tazzioli, di Genova – è stato operato alla spalla per rimuovere una scheggia. “Ero a due metri dalla bomba, sono stato fortunato”, ha raccontato l’uomo all’Ansa.

La città di Hua Hin è stata colpita anche da altre due esplosioni vicino alla torre dell’orologio che hanno causato un morto. Un’altra vittima thailandese si è registrata a Surat Thani, più a sud, dopo una cerimonia per il compleanno della regina thailandese Sirikit. E poi a Phuket, nella turistica zona di Patong, un ordigno minore è esploso causando un ferito, e altre bombe minori sono state identificate e disinnescate dalla polizia.

Ancora da chiarire la matrice degli attacchi. Un movimento separatista islamico è presente da oltre un decennio nell’estremo sud ed è responsabile di una guerriglia costata oltre 6 mila morti ma finora ha sempre colpito nelle quattro province dove è attivo e non ha mai mostrato nessun legame con il terrorismo islamico globale o con l’Isis.

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS