TRUMP CHOC ATTACCA OBAMA: “E’ LUI IL FONDATORE DELL’ISIS”

540
  • English
trump

Ancora una volta Donald Trump torna a sconvolgere lì’opinione pubblica con una delle sue frasi choc. Questa volta il magnate americano ha accusato il presidente degli Stati Uniti, BArack Obama, e la sua rivale nella corsa alla Casa Bianca, Hillary Clinton, di essere “co-fondatori dello Stato Islamico”.

Il tycoon newyorkese ha accusato i due democratici di essere responsabili in prima persona della nascita della violenta organizzazione terroristica – nata in Medio Oriente – che sta seminando il terrore in tutto il mondo con i suoi attentati e le azioni barbariche.

“Isis onora Obama. E’ lui il fondatore di Isis, il fondatore, ok?. Lui è il fondatore – ha insistito Trump durante un comizio tenuto in florida, nella città di Fort Lauderdale – E direi che la corrotta Hillary Clinton è la cofondatrice”.

Si tratta della prima volta in cui il candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti attacca così direttamente sia Obama che la Clinton. in precedenza, infatti, aveva sempre criticato i due indirettamente, sostenendo che la loro politica fosse a sostegno di Al Qaeda in Iraq, il nucleo dal quale in seguito avrebbe preso vita il sedicente Califfato.

Nelle ultime ore Donald Trump è finito nell’occhio del ciclone anche per un’altra delle sue dichiarazioni choc che in realtà hanno costellato tutta la sua campagna elettorale. Infatti il magnate statunitense ha evocato l’assassinio della Clinton, sostenendo che “il popolo del Secondo emendamento”, ossia i sostenitori del diritto incontrastato alle armi, potrebbero essere in grado di fermare la sua avversaria. Una dichiarazione ambigua che ha spinto molti dei suoi sostenitori a chiedere il suo ritiro. Infatti un repubblicano su cinque ha dichiarato che pur di evitare che Trump diventi il coinquilino della Casa Bianca è disposto a votare la Clinton.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS