RIO 2016: L’ACQUA DELLA PISCINA DIVENTA VERDE, PANICO TRA GLI ATLETI

817
piscina

“Ermmm…what happened?!”, “Cosa succede?!”. E’ la domanda che si è fatto Tom Daley, noto tuffatore britannico, pubblicando su Twitter una foto che mostra la piscina predisposta per le gare olimpioniche dei tuffi con dell’acqua verde. Non si sa cosa ancora come e perché sia accaduto. Fino a pochi giorni fa, l’acqua era limpida e trasparente. Poi, pian piano, è diventata sempre più torbida, come dimostrano le foto scattate durante la gara di tuffi sincronizzati dalla piattaforma di 10 metri. L’acqua comunque è stata controllata e analizzata, ed è stata valutata come “non pericolosa”.

L’acqua della piscina adiacente, usata per le gare di nuoto sincronizzato e pallanuoto, è rimasta del suo colore azzurro. Le tuffatrici che hanno partecipato alla gara hanno detto che, in linea di massima, il colore dell’acqua non ha creato particolari problemi. Meaghan Benefeito, tuffatrice canadese che ha vinto la medaglia di bronzo nel sincro insieme a Roseline Filion, ha affermato che nei giorni di sole l’azzurro dell’acqua può aggiungere difficoltà a un tuffo, perché diventa più difficile, per l’atleta, distinguere cielo e acqua mentre fa le rotazioni in aria. In questo senso, dunque, l’acqua verde ha aiutato.

Dopo la gara di questa notte, diversi giornalisti hanno chiesto ai funzionari olimpici presenti il motivo del colore verde smeraldo, senza ottenere risposta. Il New York Times, ha intervistato Steve Henderson, il proprietario di una piscina in California, per capire cosa potrebbe essere successo. Henderson ha risposto: “Le cause potrebbero essere due: un’improvvisa comparsa di alghe oppure una reazione chimica tra il cloro e un metallo presente nell’acqua, molto probabilmente manganese”. Per il comitato olimpico, invece, il colore della piscina è dovuto ad un malfunzionamento dei filtri dell’impianto.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS