CAOS RIFIUTI A ROMA, RAGGI: “AMA DORMIVA E ORA VOGLIO CHIARIMENTI” Intanto, il capogruppo del Pd in Campidoglio, Michela Di Biase, ha presentato un'interrogazione al sindaco

810
raggi

Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, ha lanciato una sfida all’opposizione sul tema rifiuti: “ci vuole coraggio a chiedere a noi di chiudere l’intero ciclo dei rifiuti. Voi non lo avete fatto per anni. Ebbene, noi lo faremo”.

In apertura dell’Assemblea capitolina straordinaria dedicata al caso Ama, Virginia Raggi si è detta “molto contenta che si siano accesi i riflettori” sulla municipalizzata. “Siamo ancora in attesa del consiglio straordinario su Mafia Capitale – ha commentato rivolta ai consiglieri di opposizione presenti anche nella scorsa consiliatura -. Il centro sinistra ha governato Roma e in questi 40 anni la gestione dei rifiuti è stata affidata a Manlio Cerroni, la sua fortuna è tale che Cerroni è stato chiamato l’ottavo Re di Roma”.

Il sindaco ha inoltre promesso che chiederà ad Ama una serie di approfondimenti, in particolare sul fallimento della raccolta dei rifiuti e della pulizia della città. “Ama, ad esempio, dormiva quando i trasportatori si presentavano il pomeriggio di ogni lunedi per portare via l’immondizia a Roma “, ha precisato la Raggi.

Intanto, il capogruppo del Pd in Campidoglio, Michela Di Biase, ha presentato un’interrogazione al sindaco, 4 domande precise alle quali ” ci aspettiamo che Raggi risponda puntualmente”. Punto primo: “quale ruolo ha avuto l’assessore Muraro prima di assumere l’incarico di giunta rispetto ad Ama”?. Poi: quali compensi abbia percepito dall’azienda. Se abbia avuto incarichi professionali di qualsivoglia natura con altre azienda pubbliche o private del settore gestione rifiuti. Se esista e quale sia il contenuto del dossier che l’assessore Muraro con linguaggio criptico ha minacciato di render pubblico”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS