MARTE, LO STUDIO RIVELA: L’ACQUA ERA PESSIMA, MA POTEVA SOSTENERE LA VITA L'acqua di Marte era ricca di zolfo e sodio ma poteva sostenere la vita

1043
marte

Cattiva per il sapore, ma buona per la vita. L’acqua di Marte era così: un sapore fortissimo di zolfo e sodio – ne conteneva circa 20 volte in più rispetto alla nostra acqua potabile -, ma poteva sostenere forme di vita. E’ quanto emerso da uno studio dell’Istituto di scienze lunari e planetarie di Houston e della Open University, in Gran Bretagna, condotto da Susanne Schwenzer. I ricercatori hanno analizzato le tracce di acqua rimaste nel cratere Gale dopo l’evaporazione di un antico lago e hanno scoperto che il cattivo sapore non era un ostacolo alla vita. I dati necessari per lo studio sono stati forniti dal rover Curiosity della Nasa.

”Un’acqua con questa composizione è di tipo idrotermale e sappiamo che sulla Terra ci sono microrganismi che vivono in ambienti estremi di questo tipo”,  ha osservato il chimico organico Raffaele Saladino, dell’università della Tuscia, interpellato dall’agenzia di stampa Ansa. Non a caso, sul nostro pianeta, ci sono numerosi microrganismi che vivono in acque con una composizione simile a quella che c’era su Marte, cioè sono ricche di zolfo e ferro.

Secondo Salandino, però, l’acqua del lago marziano non era un ambiente ideale per l’origine delle molecole alla base della vita, a causa del troppo sodio: “il sodio inibisce alcuni processi che portano alla formazione delle molecole alla base del Dna e del suo braccio destro, l’Rna”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS