COMPILA IL MODULO SBAGLIATO, CINESE FINISCE IN UN CENTRO DI ACCOGLIENZA PER PROFUGHI

674
cinese

Era in vacanza in Germania ma a causa di una svista ha trascorso due settimane in un centro di accoglienza per profughi a Duelmen, nella regione tedesca del Muensterland. E’ la disavventura capitata ad un turista cinese di 31 anni che aveva sbagliato a compilare un formulario. Infatti, invece di quello per dichiarare un furto, aveva riempito un modulo per richiedere asilo. L’uomo non conosceva né tedesco né inglese, solo il mandarino, ed è finito in una rete di malintesi degna di una trama televisiva. La storia è stata scovata dalla Duelmener Zeitung.

Il cinese era stato derubato di una borsa ad Heidelberg e, cercando un commissariato di polizia per presentare una denuncia, si è ritrovato nel municipio della città. Lì un funzionario gli ha consegnato un modulo per la richiesta di asilo, che lui ha in qualche modo compilato. “Così si è messo in moto un meccanismo dal quale il turista non è riuscito a sfuggire”, ha dichiarato Christoph Schluetermann, responsabile della Croce rossa tedesca che gestisce il centro di Duelmen.

Il 31enne è stato condotto nel campo di prima accoglienza di Dortmund, dove gli sono stati prelevati i documenti personali, come previsto in caso di richiesta di asilo. Quindi è stato trasferito nel centro di Duelmen dove un funzionario, insospettito dal vestiario piuttosto elegante dell’uomo, ha scoperto il mistero grazie anche all’aiuto di una app per traduzioni. Ci sono volute due settimane e l’intervento di ambasciata e consolato, perché il turista potesse riavere documenti e bagagli e proseguire il suo viaggio verso la Francia e l’Italia, le sue mete originarie prima di essere trasformato dalla burocrazia tedesca in un profugo involontario.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS