EX CAPO CIA: “TRUMP E’ UNA MINACCIA PER LA SICUREZZA NAZIONALE” Il magnate è stato definito da Morell non qualificato per fare il presidente degli Stati Uniti

607
Morell

Ancora critiche per Donald Trump, il contestato candidato repubblicano alla Casa Bianca. Il magnate è stato definito non qualificato per fare il presidente degli Stati Uniti e “un pericolo per il Paese” da Michael Morell, consigliere di intelligence per l’ex presidente George W. Bush, e numero uno della Cia durante l’amministrazione di Obama. In un editoriale sul New York Times, Morell appoggia pubblicamente la candidata dem Hillary Clinton e definisce Trump “una minaccia per la sicurezza nazionale”, spiegando che non ha alcuna esperienza sulla protezione del Paese, e il suo carattere lo farebbe essere un presidente “pericoloso”.

“Io non sono né un democratico registrato né un repubblicano registrato, in 40 anni ho votato candidati di entrambi i partiti, ma come funzionario del governo, ho sempre mantenuto il silenzio sulle mie preferenze”, ha spiegato Morell. “Ora non più – ha aggiunto – l’8 novembre voterò per Hillary Clinton, e fino ad allora farò tutto il possibile per garantire che diventi il nostro 45esimo presidente”. Morell ha duramente criticato la proposta di Trump di vietare l’ingresso negli Stati Uniti ai musulmani poiché è “contraria ai valori della nazione”.

Sull’argomento, Trump alza il tiro. Secondo il magnate newyorkese, spesso malvisto per le sue esternazioni dallo stesso Grand Old Party, anche gli immigrati regolari sono una minaccia per la sicurezza nazionale. Intervenendo in un comizio a Portland, nel Maine, ha elencato una serie di Paesi i cui migranti – che siano rifugiati o studenti – dovrebbero essere guardati con sospetto, anche se non sono clandestini.

Il candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti ha anche annunciato il suo ‘endorsement’ alla rielezione al Congresso dello speaker della Camera Paul Ryan, un appoggio che nei giorni scorsi aveva negato creando malcontento nel partito repubblicano. “In questa missione condivisa per rifare grande l’America – ha detto – sostengo e promuovo il nostro speaker alla Camera, Paul Ryan. E già che ci sono confermo la massima stima al senatore dell’Arizona John McCain per il suo servizio al Paese, in uniforme e da civile, e sosterrò pienamente la sua rielezione. Altrettanto farò per Kelly Ayotte”, attuale senatrice Gop per lo Stato del New Hampshire.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS