ARMENIA, SI SONO ARRESI I DISSIDENTI DEL PRESIDENTE SARKISIAN Una ventina sono stati arrestati, l'annuncio è stato dato da fonti di sicurezza

422
Armenia, arrestati i dissidenti

Si è arreso, il gruppo armato che chiedeva le dimissioni del presidente Serge Sarkisian, in Armenia. Dal 17 luglio, era asserragliato con alcuni ostaggi, a Ierevan, la Capitale, all’interno di un Commissariato. La notizia è stata data fonti della Sicurezza armena, che ha comunicato di avere effettuato venti arresti.

“L’operazione antiterroristica è terminata e ha costretto i membri del gruppo a deporre le armi e ad arrendersi: venti terroristi sono stati arrestati”, c’è scritto in un comunicato. I membri del gruppo erano sostenitori di Jirair Sefilian, un importante esponente dell’opposizione, arrestato nel giugno scorso, dopo un tentativo di occupazione degli edifici governativi e dei centri di telecomunicazione nelle Capitale armena.

Nel corso dell’assedio sono stati uccisi due poliziotti. I due ultimi ostaggi che erano ancora in mano ai terroristi erano stati già rilasciati prima dell’irruzione della Polizia.

Due giorni fa, una sessantina di manifestanti al grido di “Armenia indipendente” e “Serge, vattene”, in favore dei dissidenti del presidente Sarkisian, sostenitori di Jirar Sefilian, da tempo in carcere per avere fortemente criticato il Presidente, sono rimasti feriti negli scontri con le forze dell’ordine antisommossa.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS