VITA ALL’APERTO, PATRIOTTISMO E AMICIZIA: OGGI SI RICORDA IL PRIMO CAMPO SCOUT DELLA STORIA

967
scout

Era il 1 agosto del 1907 quando nell’isoletta di Brownsea, nella baia di Poole, nel Dorset, arrivarono 21 ragazzi di differenti classi sociali e di diverse età per partecipare al primo campo scout della storia.

L’idea nacque grazie alle idee educative di Robert Baden-Powell, un eroe nazionale inglese divenuto celebre per la sua vittoriosa difesa durante l’Assedio di Mafeking del 1900. Powell rimase impressionato dal coraggio dimostrato dai ragazzi di Mafeking durante le battaglie e decise di creare un campo sperimentale nel quale i ragazzi potessero vivere all’aperto e imparare le regole del vivere insieme e della società.

Powell divise i ragazzi in 4 pattuglie: Lupi, Tori, Corvi, Chiurli, supervisionati da 7 adulti. Le uniformi erano di color cachi con il distintivo del giglio, la prima volta in cui è stato usato l’emblema scout. Ciascun ragazzo portava un nodo colorato nel proprio fazzolettone con i colori della pattuglia: verde per i tori, blu per i lupi, giallo per i chiurli, rosso per i corvi. Il capo pattuglia trasportava un bastone con la bandierina dipinta con il disegno del proprio animale. Dopo aver passato un test di nodi, tracce, della bandiera nazionale, essi ottenevano un altro distintivo con il motto “Be Prepared” da attaccare sotto il giglio.

Durante i giorni di campo, i ragazzi seguivano questo programma: il primo giorno era dedicato alla vita all’aperto, il secondo alle tecnche di osservazione della natura, il terzo alla natura stessa, il quarto alla cavalleria, il quinto a come salvare una vita, il sesto al patriottismo e l’ultimo ai giochi e alla conclusione del campo.

Fu questo l’inizio di una grande avventura che ancora oggi coinvolge migliaia di giovani in tutto il mondo e che  per molti di loro, rappresenta la prima vera opportunità di mettersi alla prova e sperimentare indipendenza e una vita a stretto contatto con la natura e il prossimo. Una vera e propria “scuola di vita” che non passerà mai di moda.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS